Cerca figlie online, loro: cancellatelo

Aveva postato dati delle ragazze, giudice ordina stop al social

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Il Tribunale civile di Milano ha accolto il ricorso di due sorelle adottate che lamentavano il "trattamento illecito dei loro dati personali" operato dal padre biologico sulla propria bacheca pubblica di Facebook, dove chiedeva agli utenti di aiutarlo a rintracciarle nelle loro nuove vite e famiglia adottiva. E dopo il no del Garante della Privacy, per la prima volta il Tribunale ha ordinato alla casa madre europea Facebook Ireland Ltd di rimuovere e bloccare tutti quei messaggi contenenti appunto i dati personali delle due figlie naturali, facilmente reperibili anche con il semplice utilizzo di qualunque motore di ricerca. Nella decisione il Tribunale ha accertato che "i messaggi sulla bacheca pubblica" del padre biologico "costituiscono trattamento illecito dei dati personali delle figlie naturali", idonei a identificarle; e, "in riforma del provvedimento del Garante", ha ordinato "a Facebook Ireland Ltd la rimozione e il blocco di tutti i messaggi".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa



      Modifica consenso Cookie