Prosciolta infermiera vittima Antinori

Ginecologo condannato per prelievo forzato ovuli la denunciò

(ANSA) - MILANO, 09 OTT - E' stata prosciolta con sentenza di "non luogo a procedere" la giovane infermiera spagnola che era imputata di calunnia per avere "falsamente" accusato il ginecologo Severino Antinori per un presunto prelievo forzato di ovociti, avvenuto nell'aprile 2016. Lo ha deciso il gup di Milano Livio Cristofano, che ha accolto la richiesta dei pm Maura Ripamonti e Leonardo Lesti. Il procedimento era nato dalla denuncia di Antinori nei confronti della ragazza ed era diametralmente opposto a quello che ha portato, invece, a maggio alla condanna in appello del ginecologo a 7 anni e 10 mesi proprio per quel presunto prelievo forzato di ovuli. Dopo la denuncia del medico, i pm avevano chiesto l'archiviazione del procedimento, ma il gip Luigi Gargiulo aveva disposto l'imputazione coatta per l'infermiera.
    Oggi è arrivato il proscioglimento.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa