Bergamo tra Fast-Track cities contro HIV

Entra in network città per ridurre contagio e le discriminazioni

(ANSA) - BERGAMO, 19 MAR - Il comune di Bergamo ha firmato il protocollo 'Fast Track Cities', un network di città che si pone l'obiettivo di contrastare l'AIDS riducendo lo stigma e le discriminazioni nei confronti di chi ha contratto il virus. Ancora oggi la mancanza di consapevolezza e conoscenza nei confronti dell'infezione Human Immunodeficiency Virus (HIV) e della Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) costituisce un limite al controllo dell'epidemia. Una recente indagine - Is HIV sorted - ha riportato che quasi la metà (43%) degli intervistati residenti in Italia ignorano che l'HIV sia un virus mentre circa un quarto dei cittadini (27%) ritiene che HIV e AIDS siano sinonimi. La mancata percezione del rischio e delle misure di prevenzione, si associa ad un approccio sociale negativo verso le persone infette. Il 58% degli intervistati dice che sarebbe a disagio nel lavorare a fianco di una persona sieropositiva e che esiste la possibilità di contagiarsi con uno starnuto o condividendo del cibo.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
    TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

    Video ANSA


    Imprese & Mercati

    Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Camera di Commercio di Milano
    Camera di Commercio di Milano
    Aeroporto Malpensa