Brescia prima per reati contro animali

Rapporto Zoomafie, 'è più importante hot spot del bracconaggio'

(ANSA) - ROMA, 11 LUG - E' il maltrattamento, anche nel 2017, il reato più contestato contro gli animali in Italia, con il maggior numero di indagati e con casi di zoocriminalità minorile; le corse clandestine e il traffico di cuccioli sono invece tra le prime emergenze zoomafiose. E' quanto emerge dal Rapporto Zoomafia 2018 'Crimini e animali', redatto da Ciro Troiano, responsabile dell'Osservatorio Zoomafia della Lav.
    Nel 2017 è stato aperto un fascicolo ogni 55 minuti per reati a danno di animali, e una persona è stata indagata ogni 90 minuti circa, secondo i dati forniti alla Lav da 115 Procure Ordinarie e 25 Procure presso i Tribunali per i Minorenni (pari all'83% di tutte le Procure del Paese). Nella geografia dei reati, la Procura di Brescia si conferma quella con più procedimenti per reati contro gli animali nel 2017 - 527 con 387 indagati - con oltre la metà per reati legati alla caccia. "È noto - sottolinea Troiano - che la provincia di Brescia rappresenta l'hotspot del bracconaggio più importante d'Italia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa