Assessore Maran rifiutò casa da Parnasi

'Che figura, sembravamo i romani nei film quando vanno a Milano'

(ANSA) - ROMA, 13 GIU - L'imprenditore Luca Parnasi, tra gli arrestati nell'indagine sul nuovo stadio della Roma, e gli uomini del suo gruppo puntavano a esportare il suo sistema corruttivo a Milano. E' quanto emerge dall'ordinanza di custodia cautelare. Il gruppo puntò a corrompere l'assessore all'urbanistica di Milano, Pierfrancesco Maran, proponendogli l'acquisto di una casa. Un tentativo caduto nel vuoto perché Maran respinse la "proposta in modo sdegnato". In una intercettazione gli uomini del gruppo Parnasi dicono: "Siamo andati a parlare con l'assessore Maran, gli abbiamo proposto un appartamento ma lui ha risposto di no dicendo che lui 'non voleva prendere per il c... chi lo ha votato'. Abbiamo fatto una brutta figura, sembravamo i romani dei film quando vanno a Milano".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa