Retrospettiva di Matt Mullican a Milano

Il mondo dell'artista Usa in 5.500 mq di esposizione

(ANSA) - MILANO, 10 APR - "Quando sono entrato qui per la prima volta mi sono quasi messo a piangere. Se mi chiedete dov'è il mio studio io vi dico: è qui". È riuscito a stupire anche se stesso, dopo oltre 40 anni di carriera, Matt Mullican, artista contemporaneo statunitense e pionere nell'utilizzo dell'ipnosi come tecnica performativa. 'The Feeling of Things' è il nome della sua più grande retrospettiva, mai realizzata prima, curata da Roberta Tenconi e allestita al Pirelli Hangar Bicocca di Milano dal 12 aprile al 16 settembre.
    Più di 500 opere e 6000 oggetti raccontano la sua "cosmologia", la personale rappresentazione e interpretazione della realtà con cui l'artista cerca di spiegare come la comprensione del reale sia in verità una costruzione del tutto interiore attraverso sculture, installazioni, appunti, fotografie, video e stendardi. Tre anni di studio e selezione per racchiudere il "mondo di Mullican" nella grande struttura architettonica protagonista della mostra allestita nei 5.500 mq dell'hangar.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa