Sindaco paga per mandare via migranti

180 euro per trasferirli da Gallarate. Majorino, 'allucinante'

(ANSA) - MILANO, 21 MAR - Il sindaco di Gallarate che paga il biglietto del treno ad alcuni migranti a cui non è stata accettata la domanda d'asilo: è iniziata così una nuova polemica sulla gestione dei rifugiati.
    Una sessantina di rifugiati sono stati trasferiti ieri da un centro in chiusura a Gallarate (Varese) al centro di Bresso, nel milanese. Dodici di loro - a cui non è stata accettata la richiesta di asilo - però non erano inclusi e alla fine il sindaco Andrea Cassani ha dato loro 180 euro, quindici a testa, per comperare un biglietto di treno per Milano, mentre qualche altro soldo è arrivato loro da Kb srl, che gestiva il centro in chiusura.
    La decisione ha scatenato le proteste da parte di Milano. "È una modalità allucinante. E il sistema nazionale va rifatto" ha commentato l'assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino che ha chiesto l'intervento della prefettura.
    Sulla questione la prefettura di Milano ha già interessato la prefettura di Varese che è competente per Gallarate.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Imprese & Mercati

null

Più valore agli edifici: alla Duesse Coperture un convegno sulla riqualificazione condominiale

Il 23 novembre, alle 15.30, presso la sede dell'azienda di Ponte Nossa, in provincia di Bergamo: dalla nuova Direttiva europea del 2018 alla riqualificazione integrata degli edifici con cessione del credito


Dott. Edoardo Franzini

Al Centro di Radiologia e Fisioterapia di Bergamo l’implantologia è guidata al computer

Addio al bisturi e niente tagli: Edoardo Franzini, chirurgo del Polo odontoiatrico: «un protocollo sicuro e complementare alla chirurgia a mano libera tradizionale che consente una condivisione anticipata dei risultati».


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa