Fassone, Donnarumma? Noi trasparenti

Ad Milan condanna minacce 'ma tempi ridotti sembrano una scusa'

(ANSA) - MILANO, 19 GIU - "La linea del Milan è stata trasparente, tutt'altro che minacciosa, era quella di voler continuare con Gigio. Quella del tempo troppo ridotto per prendere una decisione mi sembra una scusa": l'ad del Milan Marco Fassone replica all'agente di Gianluigi Donnarumma, Mino Raiola, che ha motivato il rifiuto del portiere al rinnovo del contratto con gli ultimata posti dal club, oltre che "una situazione troppo ostile", fra "minacce alla famiglia, minacce di non giocare, striscioni mai tolti dalla società. Nelle ultime due settimane i tifosi milanisti hanno sposato la tesi e la filosofia della società, ponendosi contro il giocatore - ha notato Fassone a Premium Sport -. Poi ho appreso dalle parole di Raiola che il giocatore avrebbe ricevuto delle minacce importanti che condanno fermamente, come le condanna tutta la società".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa