Sesso con minori: pm, 'Prete a processo'

Ad un altro indagato contestati cessione stupefacenti e violenza

(ANSA) - MILANO, 25 MAR - A don Alberto Paolo Lesmo, sospeso dall'arcivescovo Angelo Scola dall'incarico di parroco a Milano S. Marcellina e decano di Milano-Baggio, viene contestata l'accusa di prostituzione minorile per rapporti sessuali in cambio di denaro con un minorenne, ma non quella di cessione di sostanze stupefacenti, come era stato, invece, riferito in precedenza. Il parroco, infatti (per il quale il pm ha chiesto il rinvio a giudizio), stando alle indagini, sarebbe stato a conoscenza del fatto che il ragazzo usava i soldi ricevuti per comprare in particolare cocaina, ma non ha mai ceduto direttamente droga. Come emerge ora dagli atti dell'inchiesta, infatti, l'accusa di cessione di stupefacenti, assieme a quelle di violenza sessuale e prostituzione minorile, è contestata all'altro indagato (non è un religioso) nel procedimento.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa