Minacce e proiettile a Pinti Inox

'Suicidati'. Uno zio sequestrato nel '79, riscatto da mezzo Mld

(ANSA) - BRESCIA, 5 MAR - Minacce di morte e un proiettile di kalasHnikov sono arrivati nei giorni scorsi al presidente della Pinti Inox, azienda bresciana che produce pentole, posate e casalinghi in acciaio inossidabile. Lo scrive oggi Il Giornale di Brescia, precisando che è stato lo stesso imprenditore, Claudio Edoardo Pinti, 41 anni, a denunciare l'episodio ai carabinieri di Gardone consegnando anche la lettera di minacce e il bossolo. "Sei un morto che cammina" gli è stato scritto. "Hai pochi giorni per usare il proiettile per suicidarti e fai un favore a tutti, altrimenti se non ti uccidi cominciamo ad usarlo noi" ha scritto una mano ignota. La famiglia Pinti è molto nota nel mondo dell'imprenditoria. La Pinti è stata fondata nel 1929 ed è considerata leader del Made in Italy nel suo settore. Nel 1979 uno zio dell'attuale presidente venne sequestrato e rilasciato dopo 22 giorni dietro il pagamento di un riscatto per mezzo miliardo di lire.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

C.R.M. Utensili speciali

CRM Utensili Speciali raddoppia la sede

Un investimento di oltre 1500 mq per ottimizzare la capacità produttiva dell'azienda di Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, specializzata nella progettazione e produzione di utensili speciali a profilo per torni plurimandrino


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa