Comune può chiudere campo di via Idro

Consiglio di stato respinge appello presentato da famiglie

(ANSA) - MILANO, 04 MAR - Il Consiglio di Stato ha respinto l'appello presentato dalle famiglie di via Idro con il quale si chiedeva di sospendere la chiusura del campo nomadi di via Idro decisa dal Comune di Milano, che può così chiudere il campo. Lo rende noto Palazzo Marino in una nota. Nei prossimi giorni le famiglie di via Idro saranno invitate ad uscire dal campo e trasferirsi nelle soluzioni individuate dal Comune, già da loro visitate. Poi si provvederà, in accordo con la Prefettura, ad allontanare chi non ha rispettato l'invito e a procedere al recupero dell'area per pulirla e metterla in sicurezza.
    "Questo pronunciamento - ha commentato l'assessore alla Sicurezza, Marco Granelli - conferma ancora una volta la bontà della scelta del Comune di Milano, con le sue linee guida in tema di Rom, Sinti e Caminanti, di chiudere situazioni di rischio ambientale, sociale, igienico-sanitario di sicurezza urbana ma, al contempo, offrendo concrete e adeguate alternative alle persone e soprattutto alle famiglie con minori".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa