Delitto Macchi, archeologo al lavoro

Proseguono ricerche dell'arma del delitto

(ANSA) - VARESE, 2 MAR - Sono iniziate oggi le attività dell'archeologo forense Dominic Salsarola che dovrà datare i reperti sequestrati e altro materiale che potrebbe venire alla luce nei prossimi giorni attraverso le ricerche con metal detector e geo-scanner nel parco Mantegazza di Varese, dove sono in corso le ricerche della possibile arma del delitto nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio della studentessa Lidia Macchi, massacrata con 29 coltellate nel gennaio 1987. L'archeologo dovrà accertare, sulla base della conformazione delle buche, se i reperti siano stati sepolti volontariamente sotto terra. Secondo alcune ipotesi investigative, infatti, Stefano Binda, arrestato lo scorso 15 gennaio con l'accusa di aver violentato e ucciso la ragazza 29 anni fa, potrebbe aver nascosto il coltello nell'area verde nei giorni successivi all'omicidio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa