Pakistana segregata, arrestata famiglia

Vessazioni duravano da quattro anni, riduzione in schiavitù

(ANSA) - VARESE, 23 FEB - Una giovane pakistana di 25 anni é stata liberata dai carabinieri di Busto Arsizio (Varese), dopo quattro anni di segregazione e riduzione in schiavitù da parte della famiglia di suo marito. I militari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tutti i componenti della famiglia di pakistani (suoceri, marito, una sorella e il fratello).
    Sposatasi con rito islamico in Italia (e poi con rito civile) con un connazionale, la ragazza é stata obbligata a svolgere tutte le faccende domestiche per ogni appartenente alla famiglia del marito sotto minaccia di morte e continue percosse. Per la giovane era impossibile uscire di casa o fare una telefonata.
    Incinta, la 25enne ha partorito prematuramente (forse a causa delle continue aggressioni fisiche). Tornata a casa, fin quando non aveva soddisfatto le richieste di tutti i familiari del marito non le era permesso di tenere in braccio o allattare il suo bambino. Riuscita a fuggire, la donna ha chiesto aiuto al fratello e poi ai carabinieri.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Andrea Spagnolo - Il Centro movimento e benessere

My Wellness, quando la palestra è 2.0

Al Centro Movimento e Benessere di Darfo Boario Terme, un’app gratuita per controllare la propria scheda di allenamento, ripassare gli esercizi, condividere sui social i risultatie sfidare altri utenti


C.R.M. Utensili speciali

CRM Utensili Speciali raddoppia la sede

Un investimento di oltre 1500 mq per ottimizzare la capacità produttiva dell'azienda di Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, specializzata nella progettazione e produzione di utensili speciali a profilo per torni plurimandrino


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa