Tangenti: Maroni, Rizzi innocente o via

Governatore lombardo oggi a Roma incontra capo Anticorruzione

(ANSA) - MILANO, 18 FEB - "O Rizzi dimostra la sua innocenza o deve andarsene". E' tranchant il governatore della Lombardia Roberto Maroni, sul presidente della commissione regionale alla Sanità, Fabio Rizzi, arrestato nell'inchiesta sulla Sanitopoli che ha scosso la Regione. "Di fronte a una persona che conosci da vent'anni, un leghista della prima ora a cui avresti affidato tutto, sono deluso e incazzato". Parole che non fanno trasparire nessuna volontà di farsi indietro, anche se per lui è scattata la mozione di sfiducia, depositata da Pd, Patto Civico e M5S. Ma la Lega fa quadrato e all'ipotesi dimissioni del governatore il leader Matteo Salvini replica "assolutamente no". Oggi a Roma Maroni ha incontrato il capo dell'Anticorruzione, Raffaele Cantone. Un colloquio di mezz'ora, in agenda per discutere dell'appalto sulle paratie del lago di Como (una vicenda su cui l'Autorità ha condotto accertamenti, rilevando irregolarità) virato inevitabilmente sull'attualità.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa