Tafferugli nel 2009, sette a giudizio

Protesta in occasione di un convegno con allora ministro Maroni

(ANSA) - BOLOGNA, 10 FEB - Sette rinvii a giudizio per i tafferugli del 28 settembre 2009 a Bologna, quando centri sociali cittadini entrarono a contatto con le forze dell'ordine mentre, a poca distanza, era in corso un convegno sullo sport con il ministro dell'interno dell'epoca, Roberto Maroni. Li ha decisi il Gup Alberto Ziroldi, dichiarando però la prescrizione per i reati di porto di oggetti atti ad offendere, travisamento e manifestazione non autorizzata. I sette, appartenenti a Crash e Tpo e difesi dagli avvocati Elia De Caro, Simone Sabattini e Marina Prosperi, vanno dunque a processo per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Nei loro confronti furono all'epoca eseguite misure restrittive, per uno arresti domiciliari e per sei obblighi di firma. Gli scontri scoppiarono all'angolo tra via Santo Stefano e via Cartolerie. Qui un cordone di agenti in tenuta antisommossa bloccava l'accesso a via de' Chiari, dove si trova l'aula absidale dell'Università, sede del convegno.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Mauro D'Adda - Impresa funebre D'Adda

Musica per il funerale: collaborazione tra l’Impresa Funebre D’Adda e il maestro Paolo Oreni

L’impresa di Treviglio guidata da Mauro D’Adda può contare sul talento dell’organista di fama internazionale per valorizzare l’accompagnamento della cerimonia religiosa


Dott. Mario Mariotti - Studio Mariotti

Allo Studio Mariotti la cellulite si cura con la carbossiterapia

Mario Mariotti, direttore scientifico dello studio di Cremona, è stato tra i primi a utilizzare questa tecnica non invasiva che utilizza l'anidride carbonica per combattere gli inestetismi cutanei


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa