Tafferugli nel 2009, sette a giudizio

Protesta in occasione di un convegno con allora ministro Maroni

(ANSA) - BOLOGNA, 10 FEB - Sette rinvii a giudizio per i tafferugli del 28 settembre 2009 a Bologna, quando centri sociali cittadini entrarono a contatto con le forze dell'ordine mentre, a poca distanza, era in corso un convegno sullo sport con il ministro dell'interno dell'epoca, Roberto Maroni. Li ha decisi il Gup Alberto Ziroldi, dichiarando però la prescrizione per i reati di porto di oggetti atti ad offendere, travisamento e manifestazione non autorizzata. I sette, appartenenti a Crash e Tpo e difesi dagli avvocati Elia De Caro, Simone Sabattini e Marina Prosperi, vanno dunque a processo per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Nei loro confronti furono all'epoca eseguite misure restrittive, per uno arresti domiciliari e per sei obblighi di firma. Gli scontri scoppiarono all'angolo tra via Santo Stefano e via Cartolerie. Qui un cordone di agenti in tenuta antisommossa bloccava l'accesso a via de' Chiari, dove si trova l'aula absidale dell'Università, sede del convegno.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Andrea Spagnolo - Il Centro movimento e benessere

My Wellness, quando la palestra è 2.0

Al Centro Movimento e Benessere di Darfo Boario Terme, un’app gratuita per controllare la propria scheda di allenamento, ripassare gli esercizi, condividere sui social i risultatie sfidare altri utenti


C.R.M. Utensili speciali

CRM Utensili Speciali raddoppia la sede

Un investimento di oltre 1500 mq per ottimizzare la capacità produttiva dell'azienda di Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, specializzata nella progettazione e produzione di utensili speciali a profilo per torni plurimandrino


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa