Morto dopo caduta in casa, è omicidio

Ferite erano state suturate in ospedale per tentare di salvarlo

(ANSA) - MILANO, 10 FEB - Non una caduta accidentale ma un omicidio provocato da otto ferite alla testa della vittima. È quanto emerge dall'autopsia condotta ieri di Maurizio Pozzi, 69 anni, trovato gravemente ferito dalla moglie venerdì sera nel loro appartamento in via Carli, a Milano, e morto qualche ora dopo all'ospedale Niguarda. Inizialmente si pensava che la morte fosse dovuta a una caduta in casa ma gli esami hanno evidenziato otto colpi (2-3 dei quali mortali) inferti con un'arma contundente alla testa con una forza tale da spaccare la teca cranica.
    Le ferite non erano emerse subito perché Pozzi era stato trasportato d'urgenza in ospedale nel tentativo di essere operato e salvato. Per questo i medici avevano ricucito le lesioni al capo. L'uomo era uno storico commerciante della zona Affori, e gestiva un negozio con la figlia e la moglie. È stata quest'ultima a dare l'allarme chiamando il 118 attorno alle 19.20 di venerdì. Il 69enne non aveva denunciato episodi di minacce.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


null

Elettra Impianti: tecnologia a tutto tondo per abitazioni e ambienti di lavoro

Giordano Cattaneo: i nostri plus? competenza ultra ventennale e rapidità del nostro servizio di assistenza.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa