Omicidio Macchi, sì incidente probatorio

All'esame anche testimonianza donna che accusa Stefano Binda

(ANSA) - MILANO, 5 FEB - Il gip di Varese Anna Giorgetti ha ammesso la richiesta del sostituto pg di Milano Carmen Manfredda di sentire con la formula dell'incidente probatorio alcuni testimoni dell'inchiesta sulla morte di Lidia Macchi, la studentessa uccisa nel gennaio del 1987 a Cittiglio, nel Varesotto. L'incidente probatorio riguarda, in particolare, la testimonianza di Patriza B., la donna che ha riconosciuto come scritta da Stefano Binda la lettera anonima che, alcuni giorni dopo il delitto, fu inviata alla famiglia Macchi. Binda è stato arrestato lo scorso 15 gennaio, a distanza di quasi trent'anni dall'omicidio, e, nell'87, era tra la cerchia di amici della ragazza uccisa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati



Damiano Marzocchini

Acque reflue, quando lo smaltimento è a norma di legge

I sistemi completi formati da stazioni di sollevamento, pompe, quadri elettrici e valvole della Orma Sas di Grassobbio, in provincia di Bergamo, sono la soluzione ideale per il corretto smaltimento dei liquami in ambito civile e industriale


Gianandrea Bonometti - Clinica Veterinaria S.Polo

«Puppy class»: alla Clinica Veterinaria San Polo di Brescia la scuola dei cani

Incontri di socializzazioni tra cuccioli tra i 2 e 5 mesi di vita durante i quali i proprietari imparano le basi dell’educazione e della comunicazione tra cani


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Casinó Campione
Aeroporto Malpensa