Alex Boettcher, innocente per aggressioni con acido

'Distante anni luce dai reati di cui sono accusato'

"Mi dichiaro innocente, penso di avere responsabilità nel rapporto di coppia, ma sono distante anni luce dai reati che sono stati commessi e dai quali mi dissocio". Lo ha detto Alexander Boettcher rispondendo per la prima volta in aula alle domande del pm da quando è stato arrestato nel dicembre 2014. Boettcher all'inizio dell'interrogatorio nel processo per le aggressione con l'acido ha anche negato che nel blitz contro Pietro Barbini avesse un martello in mano.

Boettcher ha poi sostenuto che Martina Levato "come ha detto lei stessa nell'udienza in cui è stata ascoltata si era divisa i compiti con Andrea Magnani e lei si occupava delle ricerche per i travisamenti". Il broker ha poi continuato a negare qualsiasi responsabilità penale nei blitz, in linea con la versione resa dall'ex studentessa bocconiana e sua amante. Boettcher, inoltre, ha tirato in ballo il presunto complice Magnani dicendo che "mente sicuramente". Il broker ha spiegato, ad esempio, che Martina il 13 novembre 2014, due giorni prima della tentata aggressione a Giuliano Carparelli, "cercava sul suo cellulare i modi per travestirsi per Hallowen con tanto di parrucche".  Per il pm l'imputato ha sostenuto "falsità e cose fantasiose".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


null

Elettra Impianti: tecnologia a tutto tondo per abitazioni e ambienti di lavoro

Giordano Cattaneo: i nostri plus? competenza ultra ventennale e rapidità del nostro servizio di assistenza.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa