Uccise moglie e figli, ergastolo a Lissi

La strage commessa a Motta Visconti nel giugno del 2014

E' stato condannato all'ergastolo Carlo Lissi, l'uomo di 34 anni accusato dell'omicidio della moglie Maria Cristina Omes e dei figli Giulia, cinque anni, e Gabriele, venti mesi, assassinati il 14 giugno 2014 a Motta Visconti (Pavia). La sentenza del Gup di Pavia prevedeva anche tre anni di isolamento diurno, poi la pena è stata ridotta perché Lissi era a giudizio con rito abbreviato. Il giudice ha riconosciuto le attenuanti generiche, subordinate però alle aggravanti contestate.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa