Omicidio Macchi: Binda, io non c'entro

Sono tranquillo, aspetto che tutto si chiarisca

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Sono tranquillo, non c'entro nulla, aspetto che tutto si chiarisca". Così ha detto al suo legale, Stefano Binda, l'ex compagno di liceo di Lidia Macchi, arrestato per l'omicidio della giovane, trovata morta, il 7 gennaio 1987. L'avvocato, Sergio Martelli, ha incontrato Binda in carcere a Varese. "Certo trovarsi in cella non è una esperienza che faccia piacere a nessuno - ha aggiunto il legale - Ma mi sembra che stia reagendo con tranquillità e ovviamente continua a negare". Il 19 gennaio l'interrogatorio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


null

Elettra Impianti: tecnologia a tutto tondo per abitazioni e ambienti di lavoro

Giordano Cattaneo: i nostri plus? competenza ultra ventennale e rapidità del nostro servizio di assistenza.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa