Ban-ki Moon: "E' una responsabilità di tutti cancellare la fame"

Mattarella: "Nutrire il pianeta è inseparabile dalla parola 'pace'.

Ban Ki Moon e Mattarella,pronti a generazione fame zero

Cerimonia a Expo, Martina consegna Carta Milano a segretario Onu

(di Bianca Maria Manfredi)

(ANSA) - MILANO, 16 OTT - L'immagine simbolo della giornata mondiale dell'alimentazione - che per la prima volta non si e' celebrata nella sede della Fao ma in trasferta, all'Expo - e' l'impassibile segretario dell'Onu Ban Ki-moon che prende in mano un cartello con la scritta '#zerohunger' e si fa fotografare. Perche' tutto serve per raggiungere l'obiettivo di sconfiggere la fame. Anche avere testimonial famosi, sportivi (come Roberto Baggio), modaioli o regali, come la regina di Spagna Letizia, ambasciatrice speciale della Fao, tornata apposta all'Expo dopo la sua visita di fine luglio. Non e' stata pero' una giornata priva di contenuti e di bordate alla politica. Ban Ki-moon si e' scagliato contro i governi che non investono abbastanza per sconfiggere fame e poverta'. "Io chiedo ai leader come spiegano il fatto di avere tanti soldi per distruggere la gente, per uccidere la gente invece di proteggerla. Perche' non investono in cibo e agricoltura?". Papa Francesco, ha mandato un messaggio al direttore della Fao Graziano Da Silva, ricordando che i piu' svantaggiati "non sono numeri" e chiedono "a governi e istituzioni internazionali di operare tempestivamente" per sconfiggere fame e poverta'. L'obiettivo e' impegnativo ma raggiungibile: "la generazione fame zero - ha spiegato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella - sta per nascere e noi vogliamo accoglierla". Certo "nutrire il pianeta - ha aggiunto - e' la sfida epocale che abbiamo davanti ed e' un ideale oggi imprescindibile dalla parola pace. Nutrire tutte le persone del pianeta e' un progetto politico", in cui rientra anche il tema dell'immigrazione. Dallo scorso anno, ha ricordato, sono arrivati circa 310 mila migranti sulle coste dell'Italia sottolineando che "tutti hanno diritto alla tutela della dignita'". Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha ribadito l'impegno del governo italiano nella lotta alla poverta' e la fame. Un impegno confermato dai due documenti consegnati oggi al segretario dell'Onu: l'Urban Food Policy Pact, con una serie di impegni contro gli sprechi e per un'alimentazione sostenibile firmato da 111 grandi citta' del mondo, e la Carta di Milano, che nei quasi sei mesi di Expo e' stata firmata da oltre 1 milione di persone e una cinquantina di capi di Stato. "Siamo consapevoli che molto del lavoro da fare inizia ora, siamo pronti" ha assicurato il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina. Ban Ki-moon l'ha accolta in modo solenne. "Questa Carta - ha detto piu' tardi incontrando alcuni giovani alla trasmissione Rai "la Vita in Diretta" - appartiene a tutti". Per l'Expo e il suo tema 'Nutrire il pianeta' quella di oggi e' stata una giornata clou, a cui hanno partecipato in tanti, inclusi il presidente della Lombardia Roberto Maroni e il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. "E' un giorno speciale per Milano, per l'Italia, per l'intero pianeta - ha concluso il sindaco Giuliano Pisapia -. Diciamo al mondo che abbiamo mantenuto la nostra promessa di dare un'anima a Expo Milano 2015".(ANSA). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Imprese & Mercati

Dott.ssa Concetta Borgh

La blefaroplastica riguarda anche la vista non solo l'estetica

Un intervento per sembrare più giovani ma che talvolta si rivela necessario per chi ha problemi palpebrali: ne parliamo con la dott.ssa Concetta Borgh, chirurgo plastico ed estetico che opera presso il Centro Medico M.R. di Bergamo


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa