• Strage al tribunale di Milano: funerali di Stato nel Duomo. Stamani cerimonia privata per Giorgio Erba

Strage al tribunale di Milano: funerali di Stato nel Duomo. Stamani cerimonia privata per Giorgio Erba

Presente anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Una folla ha partecipato nel Duomo di Milano ai funerali di Stato del giudice Fernando Ciampi e dell'avvocato Lorenzo Claris Appiani, uccisi giovedì scorso da Claudio Giardiello al Palazzo di giustizia di Milano. La cerimonia, è stata celebrata dall'arcivescovo di Milano, Cardinale Angelo Scola. Numerosi milanesi hanno occupato le panche, e attendono in silenzio l'inizio delle esequie. Oltre alle autorità, è entrato nel Duomo anche Stefano Verna, il commercialista rimasto ferito nella sparatoria. Per il Milan, presente in Duomo l'Amministratore rossonero Adriano Galliani.

La strage al Palazzo di giustizia di Milano "ci appare come una tremenda espressione di un male inaccettabile" ha detto l'arcivescovo di Milano Scola nell'omelia durante le esequie di Appiani e Ciampi nel Duomo di Milano. Le bare, accompagnate dalle famiglie, sono state accolte in Duomo da applausi. In Duomo sono presenti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e le autorità locali, il ministro della Giustizia Andrea Orlando e la presidente della Camera Laura Boldrini.

Stamattina alle 9 era stata riaperta la camera ardente allestita ieri nell'atrio del terzo piano del Palazzo di Giustizia di Milano per rendere omaggio all'avvocato Lorenzo Claris Appiani e al giudice Fernando Ciampi, due delle tre vittime della strage nel Tribunale dello scorso 9 aprile messa in atto dall'imputato-killer Claudio Giardiello. Come è avvenuto già ieri per tutto il pomeriggio, magistrati, avvocati e persone comuni hanno sfilato davanti alle bare del legale e del magistrato. Alcuni di loro si avvicinano ai familiari delle due vittime per esprimere il loro cordoglio e la loro vicinanza. Dietro le bare i 'picchetti' dei magistrati e degli avvocati che indossano le toghe.

Le esequie della terza vittima, Giorgio Erba, si sono tenute in forma privata nel Duomo di Monza, su decisione della famiglia. Ha partecipato il Presidente del Senato Pietro Grasso. "Scusatemi, sono in forma privata" ha detto entrando in chiesa.  "Sono qui come cittadino, per richiesta della famiglia, per stare vicino alla famiglia", ha dichiarato Grasso.

 

La dinamica sull'omicidio di Ciampi
Il giudice Ciampi è stato ucciso giovedì in Tribunale prima di capire quanto succedeva. "La posizione del cadavere, ancora con la mano in tasca - scrive il gip - induce a ritenere che la vittima non si sia resa conto dell'aggressione" poiché "non ha nemmeno tentato una istintiva azione difensiva con le braccia".

Intanto è tensione a Napoli per le nuove misure di sicurezza dopo la tragedia del palazzo di giustizia di Milano che rallentano l'accesso al tribunale. Un gruppo di avvocati ha prima bloccato via Grimaldi, dove vi è uno dei tre accessi al Palazzo di Giustizia, dopo di che ha tentato di sfondare il varco d'ingresso protetto da una vetrata. Un vetro è stato infranto e due agenti della polizia penitenziaria sono rimasti feriti e sono stati medicati in ospedale.

Ieri, si è avvalso della facoltà di non rispondere Claudio Giardiello, l'imprenditore che giovedì ha ucciso 3 persone in Tribunale a Milano. Lo ha spiegato l'avvocato Nadia Savoca la quale ha parlato di "stato confusionale" in cui verserebbe il suo assistito. "Cosa volete che vi dica se mi hanno visto...è troppo lunga da raccontare. Vi racconterò tutte le ingiustizie che ho subìto". Sono le parole con cui Claudio Giardiello ha motivato la sua decisione di avvalersi della facoltà di non rispondere prima dell'interrogatorio. 

L'avvocato Savoca ha spiegato che, dopo gli accertamenti medici (non perizia) a cui è stato sottoposto Giardiello, gli specialisti hanno stabilito che "è cessato il legittimo impedimento" che aveva impedito all'imprenditore di rispondere alle domande dell'interrogatorio di garanzia sabato scorso. Una volta cessato l'impedimento , quindi, Giardiello ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere. L'avvocato non è voluto scendere nel dettaglio delle condizioni del suo assistito spiegando che Giardiello si trova "in stato confusionale".

Per lo psichiatra del carcere di Monza, Giardiello è "totalmente capace di partecipare" alle fasi processuali. E' anche per questo che il gip di Monza, Patrizia Gallucci, non ha accolto un'istanza del suo difensore che puntava ad ottenere una perizia sulla capacità di Giardiello di essere sottoposto all'interrogatorio di garanzia. Dagli accertamenti, dopo il malore avuto sabato, è emerso che l'uomo ha avuto un mancamento temporaneo ma non presenta patologie.

Giardiello, durante l'udienza di convalida dell'arresto, aveva avuto un malore e, pertanto, non aveva reso l'interrogatorio. Il gip aveva comunque convalidato l'arresto, emettendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio plurimo premeditato, tentato omicidio e porto abusivo d'arma.

Per Giardiello il gip monzese Patrizia Gallucci aveva convalidato l'arresto in 'quasi flagranza' di reato ma senza interrogatorio di garanzia. Le accuse contestate all'uomo sono omicidio plurimo aggravato, tentato omicidio e porto abusivo di arma.

L'uomo, che da tre giorni è in cella sorvegliato a vista, mentre si trovava nella sala colloqui "giudici-avvocati" è svenuto. Quando poco dopo si è ripreso era in stato confusionale e non riconosceva nemmeno il suo difensore, l'avvocato Nadia Savoca. Nonostante gli accertamenti clinici cui è stato immediatamente sottoposto non abbiano evidenziato nulla di particolare e nonostante il suo legale abbia per due ore tentato di farlo ragionare, non c'è stato nulla da fare: alla fine è stato riaccompagnato in cella e, salvo altri inconvenienti, l'interrogatorio rimandato a domani. Dopo di che il gip dovrebbe depositare formalmente un'istanza (attualmente non è ancora agli atti) con cui chiedere nuovi esami medici, anche e soprattutto psichiatrici, per capire se le sue condizioni siano compatibili con il carcere e se, quello di ieri così come quello di giovedì scorso subito dopo l'arresto, sia stato un malore reale o una simulazione. Simulazione, questo è il sospetto, che rientrerebbe in un piano ben preciso: il tentativo di ottenere la dichiarazione di infermità mentale con l'obiettivo di uscire dal carcere e arrivare a un trattamento e a una pena più mite.

Colle, solidarietà a tutte le vittime - Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in seguito alla tragedia di Milano ha espresso la sua solidarietà non solo alla magistratura, ma anche "ai familiari dell'avvocato Claris Appiani e a quelli dell'altra vittima Giorgio Erba", "non vi è stata pertanto nessuna omissione". E' quanto si precisa in una nota del Quirinale.

"Grazie che mi avete fermato - ha detto Giardiello ai carabinieri dopo l'arresto - avete fatto bene, avrei ucciso ancora e poi mi sarei suicidato". Quando è stato bloccato il killer aveva nella pistola il colpo in canna.

 

listen to ‘Quei minuti di terrore in Tribunale a Milano. Gli sviluppi delle indagini dall'inviato ANSA’ on audioBoom



 

Il tribunale mi ha rovinato - "Il tribunale mi ha rovinato, quel posto è l'origine di tutti i miei mali". Sono le parole dette da Claudio Giardiello subito dopo l'arresto avvenuto a Vimercate. Agli investigatori Giardiello ha anche ribadito di aver agito per vendetta.

Intanto non sono emersi, al momento, rilievi penali dai primi accertamenti degli inquirenti sul sistema di sicurezza del Palazzo di Giustizia di Milano che ieri, giorno della strage in Tribunale, per dirla con le parole dei vertici degli uffici, ha presentato ''una evidente falla''. Lo si è appreso da ambienti giudiziari.

"I magistrati non possono essere lasciati soli, bisogna esprimere un sostegno concreto alla magistratura per il lavoro che fa per la giustizia per questo Paese". Lo ha affermato il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, intervenendo nell'aula magna del tribunale di Milano alla commemorazione delle vittime della strage di ieri.

LA CRONACA

"Un uomo sta sparando al secondo piano, chiudetevi dentro!". Correva con le braccia alzate per richiamare l'attenzione e gridava con la paura negli occhi una giovane avvocatessa che era riuscita a salire due piani di corsa e ad arrivare al quarto, quello della Procura. Solo una delle tante immagini del terrore che ieri mattina Claudio Giardiello, immobiliarista a processo per bancarotta e poi killer per "vendetta", ha deciso di spargere nei sette piani del Palazzo di Giustizia di Milano, dove, armato di pistola e con una "freddezza inquietante", ha sparato tredici colpi, ammazzando tre persone, tra cui un giudice, e ferendone altre due, tra cui suo nipote.

Prima di venire arrestato a Vimercate, ad una trentina di km da Milano, dopo una fuga durata quasi un'ora. Nessuno degli avvocati, dei magistrati, dei testimoni e dei cancellieri che sono entrati nell'aula della seconda sezione penale al terzo piano avrebbero mai pensato, come le altre centinaia e centinaia di persone che ogni giorno frequentano il 'Palazzaccio' milanese, che avrebbero visto "così tanto sangue e l'inferno", come ha raccontato uno di loro.

Era "pronto ad uccidere anche altre persone", con una pistola che aveva inspiegabilmente varcato i metal detector - tutti funzionanti secondo le ultime indiscrezioni - ed ha esploso 13 colpi seminando morte al tribunale di Milano: tre morti, tra cui un avvocato e il giudice Fernando Ciampi, ucciso a colpi di pistola da un imputato all'interno della sua stanza. L'uomo che ha aperto il fuoco è Claudio Giardiello: "Volevo vendicarmi di chi mi ha rovinato", ha poi detto ai carabinieri che lo hanno arrestato. Dopo essere fuggito in moto,  è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate (Monza e Brianza). L'uomo, fermato in un centro commerciale, ha avuto un malore ed è stato trasportato via in ambulanza. Prima di uccidere, Claudio Giardiello sarebbe entrato mostrando un falso tesserino da un ingresso laterale del Palazzo e dalla porta riservata all'accesso di magistrati, avvocati e cronisti.

Giardiello ha sparato in aula durante il suo processo, colpendo a morte l'avvocato Lorenzo Alberto Claris Appiani ed un suo coimputato, Giorgio Erba, e ferendo un suo altro socio. Poi ha sparato al giudice Fernando Ciampi nella sua stanza, uccidendolo. Il ferito è Davide Limongelli, socio di Giardiello nella società "Magenta Immobiliare" di Milano, presente in aula a sua volta come coimputato. Giardiello ha esploso 13 colpi di arma da fuoco ed era dotato di due caricatori di proiettili calibro 7.65.

"Il governo è pronto a riferire in Aula" sui fatti di Milano, ha assicurato il premier Matteo Renzi. "I sistemi di sicurezza del nostro Paese - ha detto Renzi - si poggiano su donne e uomini capaci al limite dell'eroismo, ma il controllo non può permettersi di avere buchi e falle come quelli che ci sono stati nel tribunale di Milano. Bisogna accertare chi, come e perché ha sbagliato. Qualcosa non ha funzionato".

"Il sistema ha visto compiersi un insieme di errori gravi" che "le indagini dovranno chiarire", ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando nella conferenza stampa convocata a Milano. Giardiello "era pronto ad uccidere altre persone a Vimercate", ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano. Claudio Giardiello era infatti diretto da un altro dei suoi ex soci quando i carabinieri di Vimercate lo hanno intercettato nelle vicinanze del centro commerciale "Torri Bianche" di Vimercate. Forse voleva chiudere i conti anche con lui dopo la strage al Tribunale di Milano. E' stato preso perché i carabinieri hanno riconosciuto scooter e targa.

LE VITTIME

"Mai avrei pensato che fosse così disperato, sono scioccata, non immaginavo che potesse fare una cosa simile". Lo ha detto l'ex moglie di Claudio Giardiello. "Ora devo pensare soprattutto ai miei figli - ha aggiunto la donna - sono loro che devo proteggere dalle conseguenze più drammatiche".

Il magistrato colpito a morte, Fernando Ciampi, era giudice della sezione fallimentare.

"La società democratica, aperta e accogliente, è per sua natura vulnerabile: alle insidie criminali lo Stato italiano risponde con fermezza, sempre nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali e dei diritti dell'uomo". Lo ha affermato il presidente Sergio Mattarella parlando al plenum straordinario del Csm dopo i fatti di MilanoGli inquirenti "faranno piena luce" su quanto accaduto a Milano, "spetterà poi ai vertici degli uffici giudiziari di Milano e al ministro della Giustizia prendere i dovuti provvedimenti perch simili fatti non si ripetano. Ai servitori dello Stato va assicurato il massimo possibile di sicurezza", ha detto Mattarella al plenum straordinario del Csm. 

Subito dopo l'episodio centinaia di persone sono andate in strada davanti alle diverse uscite del tribunale. Ciampi è stato ucciso nella sua stanza al secondo piano del Palazzo di Giustizia di Milano. 


IL LIVEBLOG

''Ci siamo asserragliati nell'aula, appena sentiti gli spari'', racconta l'avvocato Roberto Faletti, che era in udienza in un'aula accanto a quella dove l'omicida ha sparato. ''I carabinieri ci hanno detto di restare chiusi nell'aula e di non muoverci - ha aggiunto - eravamo in sette, compresi il giudice e il pm''. 

 

Il giudice Fernando Ciampi, una delle vittime



Cantone: 'Episodio del genere dovrebbe essere impossibile'

"Non so nulla ma certo dovrebbe essere impossibile entrare in un Tribunale e sparare. Ho saputo dell'uccisione di un collega, una cosa che mi sconvolge". Così il presidente Anac Raffaele Cantone commenta quanto successo a Milano, uscendo da una riunione a Palazzo Chigi.

Il killer arrestato, Claudio Giardiello

"Una persona sopra le righe"
''E' una persona sopra le righe, ingestibile come cliente perché non ascoltava mai i consigli. Era uno che pensava che tutti lo volessero fregare, era paranoide''. E' la descrizione dall'avvocato Valerio Maraniello di Claudio Giardiello, il killer che era era imputato per bancarotta. L'avvocato Maraniello ha spiegato di avere difeso Giardiello fino ad un paio di anni fa e poi di avere lasciato il mandato proprio perché era un cliente 'difficile'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


null

Elettra Impianti: tecnologia a tutto tondo per abitazioni e ambienti di lavoro

Giordano Cattaneo: i nostri plus? competenza ultra ventennale e rapidità del nostro servizio di assistenza.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa