Tv Liguria rispettano regole su minori

Bruzzone, serve norma nazionale per tutela ragazzi sul web

 "Dalla ricerca dell'Osservatorio di Pavia sull'analisi dell'offerta televisiva ligure rivolta ai minori ne esce un quadro nel suo complesso positivo, senza particolari criticità, anche se le trasmissioni vere e proprie dedicate ai ragazzi sono molto poche. Comunque, quando parlano di ragazzi, soprattutto nei notiziari, lo fanno nel rispetto della deontologia e della pertinenza della notizia", spiega il presidente del Corecom Liguria, Alberto Maria Benedetti durante il convegno 'Tv e minori', che si è svolto oggi a Genova.
    "Lo studio evidenzia come nel suo complesso le emittenti locali liguri rispettano la fascia di protezione e le regole - continua. - Oggi, la nostra nuova sfida è quella di avviare un osservatorio sul web e sui suoi contenuti".
    Proprio alle nuove tecnologie ha posto l'attenzione il presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone, che sottolinea "come sia necessaria una normativa nazionale che affronti la tutela dei minori sul web, oggi strumento in mano a tutti i bambini e ragazzi". Il tema della sicurezza e delle tutela dei ragazzi su internet è stato affrontato anche dall'assessore regionale all'Istruzione Ilaria Cavo "e per fare questo bisogna sensibilizzare sempre di più i nostri ragazzi con iniziative istituzionali rivolte alle scuole".
    La ricerca condotta dall'Osservatorio di Pavia sulle sei emittenti liguri mette in luce anche come nei tg locali i servizi sui minori abbiano principalmente un'impronta informativa, e si privilegia un linguaggio sobrio e lineare, cosa che non farebbero i tg di Mediaset "che fanno leva su espedienti emotivi, uso della immagini e della musica, testi particolarmente drammatici e ricorso attori". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA