Iren:biodigestore Spezia,50mln investiti

Tratterà 60mila tonnellate rifiuti organici all'anno

 Sono previsti 50 milioni di investimenti per il nuovo impianto di trattamento dei rifiuti organici di Acam (gruppo Iren) a Saliceti (la Spezia). Sarà realizzato nell'arco di tre anni, ma ci vorrà ancora un anno per arrivare alla conferenza dei servizi, passando per l'inchiesta pubblica e l'acquisizione delle aree. Alla fine sarà realizzato un biodigestore in grado di lavorare 60 mila tonnellate di rifiuti all'anno. Nell'impianto saranno occupate 20 persone. Il biodigestore servirà l'area spezzina, del Tigullio e di Genova e si affiancherà ai biodigestori previsti a Genova e a Savona.
    L'area interessata dalla costruzione sarà di 60 mila metri quadrati, di cui 25 mila coperti, accanto all'impianto preesistente dove si lavora il rifiuto residuo. Il biodigestore sarà in grado di produrre con un procedimento anaerobico, e quindi in assenza di odori, 6 milioni di metri cubi all'anno di biometano sostenibile, per il fabbisogno di 10 mila utilitarie e 160 autobus, e 14 mila tonnellate all'anno di compost.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere