Premio Bindi al torinese Lisbona

Ron riceve premio a carriera e ricorda Lucio Dalla

 Lisbona, aka Luca Fratto, è il vincitore del Premio Bindi 2018. Torinese, figlio di un 'rockettaro' e di una cantante lirica, un nome d'arte mutuato dal soprannome del nonno, Lisbona ha battuto sul filo di lana i finalisti destinatari degli altri premi. Alla giovanissima Elasi (Elisa Massara) sono andati la Targa Quirici per il miglior arrangiamento e la targa di Platonica music per la miglior canzone radiofonica, mentre Jack Jaselli ha vinto la targa Giorgio Calabrese conferita dalla Warner Chappell come miglior autore.
    Braschi si è aggiudicato il premio del Bando Nuovo Imaie, che mette in palio un tour di otto date con i fondi dell'art.7 per la promozione artistica. L'8 luglio la serata finale 'Special Project' con l'omaggio a Lucio Dalla da parte di Ron, suo collaboratore storico, attualmente in tour proprio con l'album 'Lucio!'. Ron riceverà il Premio Bindi alla Carriera. "È stata una bella esperienza. C'era una bella elettricità prima di salire e mi sono divertito". Lo ha detto 'a caldo' Luca Fratto, in arte Lisbona, dopo aver vinto il Premio Bindi 2018, concorso per giovani cantautori in programma a Santa Margherita Ligure (Genova). "Da adesso in poi cercherò di vincere altri premi importanti quanto il Premio Bindi e poi vedremo, è tutto in divenire", ha concluso Fratto che ieri sera è stato premiato dal direttore artistico Zibba e dal sindaco della cittadina del Tigullio Paolo Donadoni.
"Il Bindi - ha detto il sindaco Donadoni - è sempre più un festival musicale di qualità, che racconta al pubblico il nuovo cantautorato italiano offrendo nuove chiavi interpretative della vita e dell'attualità del mondo". La rassegna 2018 si chiude stasera con le esibizioni di Ron e Coma_Cose che riceveranno rispettivamente il premio alla carriera e quello come New Generation.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere