Violentò ragazza e rapinò fidanzato, condannato a 10 anni

Protagonista uno straniero che aveva rapinato anche due ventenni

E' stato condannato a 10 anni e sei mesi il marocchino di 27 anni, irregolare, arrestato a ottobre con l'accusa di avere violentato una ragazza di 24 anni a Genova Pegli e rapinato il fidanzato di lei. La sentenza, con rito abbreviato, è stata pronunciata dal giudice per l'udienza preliminare. Secondo l'accusa, il magrebino per costringere la giovane a un rapporto sessuale aveva obbligato il fidanzato che era alla guida dell'auto su cui la coppia viaggiava a scendere per andare a prelevare soldi a un bancomat, millantando di essere armato di una pistola che in realtà non aveva. Il giovane aveva fermato la coppia sul lungomare di Pegli e sotto minaccia l'aveva costretta a portarlo in una via di Sestri Ponente. Prima di aggredire la coppia il giovane aveva rapinato sul lungomare due ventenni, feriti al viso con i cocci di una bottiglia e costretti a consegnare cellulari e portafogli. Il marocchino era stato arrestato dai poliziotti delle volanti che dopo la prima rapina avevano iniziato a perlustrare la zona.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere