Botte a militanti di CasaPound, dissidenti nei guai

Indagini della Digos e dell'antiterrorismo

Due ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dalla procura spezzina nei confronti di uno spezzino di 31 anni e un milanese di 30 accusati di aver aggredito militanti di Casapound in un locale a Spezia nella primavera scorsa. Per i due è scattato l'obbligo di dimora. Il provvedimento è arrivato a conclusione di indagini condotte dalla Digos e coordinate dalla direzione centrale di polizia che ha coinvolto anche l'antiterrorismo. Furono 11 tra spezzini e milanesi ad aggredire i militanti di CasaPound ed altri avventori del locali, che riportarono lesioni gravi. Le indagini avevano portato nei mesi scorsi anche ad un arresto. I due destinatari delle misure cautelari sono considerati anello di congiunzione della cellula di dissidenti tra Milano e La Spezia.
    Secondo gli investigatori il gruppo, 'Dissidenti La Spezia', era ben organizzato, pronto a colpire con azioni dirette e violente.
    Il gruppo avrebbe preso parte ai disordini nel corso del G7 di Lucca "e si stavano preparando ad altre azioni".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere