Sacchetti bio savonesi puntano a Est

Flexopack, fatturato 2017 +20%, nuovi stabilimenti e assunzioni

L'obbligo dei sacchetti bio per frutta e verdura, scattato a gennaio, sarà un'occasione di crescita in più per Flexopack. L'azienda di Villanova d'Albenga è uno dei maggiori produttori di shopper biodegradabili e compostabili in Italia e lavora con i principali gruppi della grande distribuzione. Oltre agli shopper produce sacchetti bio per alimenti con occhio all'ambiente: ricicla al 100% i propri scarti. Nel 2017 il fatturato è cresciuto del 20%, arrivando a 41 milioni e le previsioni sono positive anche per il 2018 che potrebbe segnare il debutto anche in Belgio e in alcuni Paesi dell'est europeo con cui ci sono contatti già avviati.
    Settantatre dipendenti, Flexopack si sviluppa su un'area di 30 mila metri quadrati e punta all'ampliamento: c'è un progetto per due nuovi stabilimenti per aumentare la produzione, oggi fra le 15 e le 18 mila tonnellate, il fatturato e fare una decina di assunzioni. Oggi le vendite si concentrano soprattutto in Italia dove Flexopack realizza circa il 70% del fatturato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere