Ilva: Bagnasco, continuare allo strenuo dialogo e mediazione

'Situazione preoccupante. Vicinanza e incoraggiamento ai lavora'

(ANSA) - ROMA, 6 OTT - "È necessario continuare allo strenuo la via del dialogo e della mediazione". Lo ha detto l'Arcivescovo di Genova, il card. Angelo Bagnasco, a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche italiane della Cei, commentando il piano dell'Ilva che prevede circa 4 mila esuberi.
    Ai lavoratori dell'Ilva che in questo momento stanno vivendo e seguendo la vicenda con preoccupazione, ha aggiunto il card.
    Bagnasco, "desidero esprimere vicinanza e incoraggiamento affinché possano avere una sicurezza sufficiente. Tutti devono cercare di non chiudere le vie della comunicazione e continuare il dialogo, cercando di trovare, se esistono, vie alternative almeno provvisorie, in attesa che l'azienda possa riprendere un ritmo tale da ampliare nuovamente l'organico". "Rinnovo la grande preoccupazione - conclude Bagnasco - a queste persone e le loro famiglie che rischiano di uscire dall'Ilva. Una situazione molto preoccupante per Genova che va ad aggiungersi ad altre situazioni pregresse. Incoraggio tutti quanti, l'Ilva come le altre imprese, a riprendere il loro lavoro e magari un domani poter allargare la base dei dipendenti e dei lavoratori".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere