A Genova I Cinque stelle non appoggiano alcun candidato

Sono sintesi della politica clientelare e affaristica

 "Il M5S, appena messo piede a Roma, ha tagliato di netto 40 milioni di sprechi della macchina comunale, la Lega Nord invece ancora deve spiegare agli italiani come Belsito e Bossi hanno "investito" 56 milioni di rimborsi elettorali "spariti" in Tanzania. In questo esempio sta la distanza siderale tra noi e loro". Lo dice la consigliera regionale del M5S Alice Salvatore. "Il M5s a Genova non appoggerà nessuno dei candidati al ballottaggio. Sono entrambi la sintesi della politica clientelare e affaristica che noi combattiamo. Le amministrazioni del M5S risanano i bilanci comunali e costano meno ai cittadini. La storia dei sindaci a 5 Stelle ha una costante: entriamo in municipalità con debiti altissimi, troviamo sprechi da tagliare e nuove risorse da liberare, non rubiamo e il risultato è trovare risorse da investire nei servizi per i cittadini. Un altro modo di concepire la gestione della cosa pubblica, lontana dai partiti che sostengono i due candidati al ballottaggio a Genova".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere