Morì per operazione,C.Conti chiede danni

Operò donna per cisti renale nel Savonese, stima 900 mila euro

 La procura della Corte dei Conti della Liguria ha chiesto un maxi risarcimento di 900 mila euro ad Andrea Piccardo, ex primario all'ospedale di Cario Montenotte (Savona), che lo scorso dicembre è stato condannato con sentenza passata in giudicato a 2 anni di reclusione per omicidio colposo. I fatti risalgono al 2009, quando una paziente morì a seguito di un intervento per l' asportazione di una cisti renale. In primo grado, il giudice aveva ritenuto fondato l'impianto accusatorio secondo cui era stato l'intervento a causare la morte della donna, condannando il medico a 3 anni e mezzo di reclusione e a 900 mila euro di provvisionale di risarcimento al marito e ai due figli. In appello, e poi in Cassazione, i togati hanno ridotto la penale e la provvisionale, da 900 mila a 500 mila euro. L'Asl 2, chiamata a rispondere in solido dal giudice penale, aveva pagato la provvisionale di 900 mila euro prima della sentenza d'appello. Ora, la procura contabile chiede ad Andrea Piccardo di risarcire l'azienda sanitaria.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere