C.Conti chiede 60.000 euro a consiglieri

5 ex in Regione devono risarcire 'cene e pranzi non documentati'

(ANSA) - GENOVA, 16 MAG - Nell'ambito della cosiddetta inchiesta sulle spese pazze dei gruppi consiliari in regione, la procura della Corte dei Conti della Liguria chiede un risarcimento complessivo di oltre 60 mila euro a Giovanni Battista Pittaluga (Gente per Claudio Burlando), Tirreno Bianchi (Comunisti Italiani), Vincenzo Plinio e Alessio Saso (Alleanza Nazionale) e Carmen Patrizia Muratore (Italia Valori). Il periodo preso in considerazione riguarda i primi mesi del 2010. Al gruppo Gente per Burlando il danno contestato è di oltre 17.600 euro, di 11.500 euro quello dei Comunisti Italiani; il più elevato è quello contestato a Italia dei Valori, quasi 23mila euro. Ad Alleanza Nazionale viene chiesto un risarcimento di oltre 8.500 euro. Dalle indagini sono emerse numerose spese private, come pranzi o cene, rimborso per spese varie non supportate da idonea documentazione, in molti casi "spese per normali consumi dei convenuti al bar, ristoranti, pasticcerie, locali, senza dimostrazione documentale dell'occasione istituzionale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere