Sub muore dopo immersione relitto Haven

L'uomo era riemerso senza parte del respiratore

Una guida subacquea svizzera è morta oggi pomeriggio mentre accompagnava quattro connazionali in un'immersione nelle acque di Arenzano dove è affondato il relitto della motonave Haven, fra i 40 e gli 80 metri di profondità. La vittima, uscita con l'appoggio dei gommoni di un diving di Arenzano, è riemerso all'improvviso con evidenti difficoltà respiratorie. Subito soccorso dal personale del diving, è stato trasferito al molo del porticciolo di Arenzano dove i medici del 118 lo hanno intubato e sottoposto a terapia intensiva. E' stato tutto inutile. L'uomo è deceduto poco dopo le 14. L'indagine sul decesso è stata avviata dai militari della Capitaneria di Porto, giunti sul posto subito dopo l'allarme lanciato dal diving. E' stato accertato che la guida sub deceduta quando è risalita era priva del rebreather, l'apparecchiatura che permette di riutilizzare l'ossigeno espirato e eliminare l'anidride carbonica. Le indagini devono stabilire se il sub se l'è tolto da solo o se invece l'ha perso per altri motivi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere