Radioamatori celebrano Guglielmo Marconi

Dalle onde corte agli smartphone a 80 anni da sue scoperte

 "Durante la Seconda Guerra Mondiale i nazisti occuparono l'hotel.
    Distrussero tutto ma lasciarono intatta la stanza 105, per rispetto allo scienziato premio Nobel". Andrea Fustinoni, proprietario del Grand Hotel Miramare di Santa Margherita Ligure, parla sempre con orgoglio di quando Guglielmo Marconi soggiornava nel suo albergo dove tra l'altro ha anche condotto importanti esperimenti sulle micro onde. La camera dove alloggiava era la 105, gli arredi sono quelli di una volta e i turisti chiedono di visitarla, soprattutto gli americani: "per loro - ha detto Fustinoni - Marconi è una star".
    Da quella camera, 80 anni dopo, l'associazione RadioAmatori di Rapallo - una delle dieci stazioni marconiane d'Italia - effettuerà una serie di trasmissioni fino al 4 dicembre cercando di raggiungere quanti più appassionati possibili nel mondo proprio per celebrare le scoperte di Guglielmo Marconi 'primo radioamatore della storia'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere