Alluvione: Pd, Regione non chiede soldi

Mai: "Non è vero, è sciacallaggio, l'iter va avanti"

Sono 281 le imprese agricole liguri colpite dalle alluvioni tra il 2013 e il 2015 e "al momento non possono accedere ai fondi stanziati dal Governo perché la Regione non ha trasmesso la richiesta danni al Dipartimento di Protezione Civile secondo le procedure previste". Lo rivela il gruppo consiliare in Regione del Pd. "Vista la gravità di quello che è accaduto chiediamo formalmente alla Giunta regionale un atto di trasparenza e un confronto con tutti i soggetti interessati". La richiesta arriva anche dal deputato ligure del Pd Franco Vazio. "L'assessorato all'Agricoltura della Regione non ha commesso alcun errore nella trasmissione dei dati tecnici per l'accesso al risarcimento dei danni alluvionali delle imprese agricole del savonese, albenganese e della provincia di Genova. Trovo penoso e intollerabile lo sciacallaggio politico attuato da Vazio e dal gruppo regionale del Pd che con le loro accuse, infondate, hanno gettato nel panico decine di imprenditori liguri. L'iter va avanti". "Ho personalmente inviato - spiega Mai - tre lettere al capo dipartimento Curcio per chiedere riscontro puntuale dell'iter e della documentazione inviata. Già nella prima lettera, datata 27 aprile, avevamo provveduto a trasferire l'ammontare dei danni delle imprese alluvionate e nella risposta il dipartimento ci confermava la validità delle nostre trasmissioni. Se ci sono stati cavilli e intoppi, nonostante il continuo e costante interessamento da parte nostra a queste pratiche, è se mai imputabile ad alcune limitazioni nei settori dei fabbisogni di ristoro dei danni del 2014, risalenti proprio al mandato da assessore alla protezione civile della consigliera Paita che aveva escluso il settore agricolo tra quelli delle aziende rimborsabili".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere