Pesto genovese candidato a bene umanità

Avviato l'iter per presentare la pratica all'Unesco

Il pesto al mortaio della più antica tradizione genovese si candida a diventare patrimonio culturale 'immateriale' dell'umanità. La candidatura da presentare all'Unesco è stata annunciata al Palazzo della Borsa a Genova dai promotori, tra cui l'associazione Palatifini che da anni organizza il Campionato mondiale di pesto al mortaio. "L'obiettivo è far diventare patrimonio Unesco la tecnica di lavorazione al mortaio, una tradizione che si sta perdendo", dicono gli organizzatori.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere