Quando il percorso conta più della meta, ecco i viaggiatori 'lenti'

Censiti da Touring e Agenzia del Demanio per il progetto 'Cammini e percorsi' chi frequenta i percorsi storico-spirituali

  • Un uomo lungo la via francigena
  • Foto d'archivio
  • Foto d'archivio

(di Alessandra Chini) Per loro la meta non è importante, o almeno non lo è quanto chi o cosa si incontra lungo il cammino. Puntano a viaggiare dentro se stessi, per staccare la spina ma anche per conoscere nuove terre con le loro tradizioni e peculiarità. E' questo l'identikit del viaggiatori 'lenti' che scelgono di percorrere a piedi o in bicicletta i tanti percorsi storico-spirituali d'Italia. Viaggiatori censiti nell'ambito del progetto 'Cammini e percorsi' dell'Agenzia del demanio e del Touring Club che punta ad assegnare in gestione a imprese, associazioni o cooperative in prevalenza under 40 immobili dello Stato lungo i percorsi come la via Francigena, la via Appia o le ciclovie del Vento o del Sole.

La consultazione ha riguardato quasi 25mila utenti. Tra i 18.600 italiani quasi 12mila hanno fatto viaggi 'lenti' lungo percorsi storico-religiosi o ciclopedonali. Quasi 10mila (9.192) in Italia e 4.500 in Europa. Nel nostro Paese il percorso più 'frequentato' è la via Francigena (4.855 dei 18.600 hanno detto di averla percorsa), poi la via Appia (2.857) e il cammino di San Francesco (2721).

La maggior parte degli utenti censiti (4.075) ha viaggiato per un periodo ristretto di tempo (tra 1 e tre giorni). Tremila lo hanno fatto solo per un giorno; 2.530 hanno camminato o fatto in bici questi percorsi per un periodo tra i tre e i sette giorni; oltre duemila per più di una settimana.

"Si viaggia - si legge nel report - poco come famiglia e coi bambini, sono più viaggiatori individuali, raramente intermediati anzi autonomi nell’organizzazione".

Le attività più ricorrenti che agli utenti piace svolgere sono quelle che portano a conoscere le storie del luogo ma anche partecipare a "momenti di meditazione" perché il cammino possa essere anche "spirituale".

In silenzio e slow, l'altra vacanza percorre i sentieri dell'anima, per approfondire leggi qui

Per quanto riguarda gli immobili da valorizzare nell'ambito del progetto la maggior parte delle preferenze vanno alle costruzioni tipiche locali e il numero e tipo di beni porta a concentrare le preferenza in Puglia, Lazio e Veneto. Il bene che ha riscosso più successo nella consultazione è un immobile rustico in Toscana, in provincia di Lucca che fa gola a oltre 2.100 utenti.

 

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>