Il metodo danese per crescere bambini felici. Le 6 regole d'oro che valgono anche per noi

Il paese domina il World Happiness Report ogni anno, un libro spiega The Danish Way

  • ClarkandCompany iStock.
  • bigandt iStock.

(di Daniela Giammusso) Il dato di partenza è lampante: da oltre 40 anni la Danimarca domina il World Happiness Report, la classifica dei paesi più felici stilata ogni anno dalle Nazioni Unite. Si, la Danimarca, paese bellissimo, ma piccolo, buio, freddo. Mentre nazioni come gli Stati Uniti, che la felicità l'hanno inserita addirittura nella Dichiarazione d'indipendenza, si trovano a malapena tra i primi venti paesi. Per trovare l'Italia bisogna andare più giù di altre 30 posizioni. Ma perché proprio la Danimarca? Dipende dal sistema sociale? Dalle abitazioni, dal governo? No, la ragione è più a monte: le mamme danesi conoscono il segreto di allevare i bambini più felici del mondo. Che cresceranno, diventeranno adulti felici, avranno altri figli felici e così via. Perché la felicità è un'attitudine che si insegna e si sviluppa sin da piccoli.

Almeno secondo Jessica Joelle Alexander ed Iben Dissing Sandahl: giornalista laureata in psicologia nonché mamma americana sposata a un danese, la prima; psicoterapeuta danese, la seconda. Entrambe con figli da tirar su, sono le autrici de ''Il metodo danese per crescere bambini felici ed essere genitori sereni'', manuale best seller pubblicato già in 19 paesi e diventato quasi un movimento sul web con thedanishway.com, che arriva ora in Italia per Newton Compton . E che in 6 principi, più una serie di applicazioni pratiche, racconta come alla base dell'appagamento ci sia il modo in cui genitori e figli si relazionano tra loro.

Soprattutto, shock vero per mamme e papà italiani, mettendo al bando le agende zeppe di impegni, dalla musica ai sei corsi di danza o inglese, ferme sostenitrici del tempo libero non organizzato. A indicare che qualcosa non va nell'educazione dei bambini, ben prima del manuale danese, in verità ci sono i numeri: l'uso di antidepressivi negli Stati Uniti dal 2005-2008, raccontano le autrici, è aumentato del 400% secondo il Centro nazionale di statistica della salute. Senza contare tutte le battaglie contro i disturbi alimentari negli adolescenti o la ''pubertà precoce'', che colpisce sempre più bambini tra i 7 e gli 8 anni.

''Fare il genitore è il lavoro più difficile del mondo'', ammettono consapevoli le due autrici. E ogni paese ha un suo modo di crescere i piccoli (in Danimarca, ad esempio, non esistono i compiti a casa). Ma niente panico. La parola da ricordare è PARENT, che in inglese vuol dire ''genitore'', ma è anche l'acronimo per le 6 regole d'oro del Metodo Danese.

P come PLAY (Gioco) - ''Il gioco libero crea adulti più felici, equilibrati e resilienti''. E' importante che i bambini abbiano il tempo di giocare, perché è il momento in cui imparano chi sono, le proprie doti e i propri limiti.

A come AUTENTICITY (Autenticità) - ''La sincerità crea una maggiore consapevolezza di se'''. Non mentire ai bambini, ne' sperticarsi in lodi esagerate. Se insegnamo loro a riconoscere e accettare i propri sentimenti e ad agire secondo i propri valori, sfide e periodi difficili non li abbatteranno.

R ovvero REFRAMING (Ristrutturazione) - ''La riformulazione dell'esperienza vissuta può cambiare la vostra vita e quella dei vostri figli rendendola migliore''. Impegnatevi a spostare il fulcro dell'attenzione del bambino da ciò che pensa di non saper fare a ciò che sa fare. E ovvero EMPATHY (Empatia) - ''Comprendere, interiorizzare, insegnare l'empatia è fondamentale per creare bambini e adulti più felici''. Ma i primi a sperimentarla devono essere i genitori: i bambini rispecchiano tutto quello che vedono fare.

N ovvero NO ULTIMATUM (Nessun ultimatum) - ''Evitare il braccio di ferro usando invece un approccio genitoriale più democratico aiuta i bambini ad avere più fiducia, più capacità di reagire e a essere più felici''. Soprattutto, assolutamente bandite le sculacciate.

T ovvero TOGETHERNESS and HYGGE (Intimità e Hygge, che in danese significa ''pensare o sentirsi soddisfatti'') - ''Una forte rete sociale è uno dei fattori più importanti della nostra felicità in generale''. I bambini sono sempre felici di stare tutti insieme in un'atmosfera intima, serena e accogliente con le persone care. Se imparano l'hygge, saranno in grado di trasmetterlo un giorno anche loro ai propri figli.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>