8 marzo: tour nelle scuole perchè parità è cultura

Zanardo con Suffragette 2.0, Italia 41/ma per Gender Gap

  • Scuola: prima campanella in Piemonte per 539mila studenti (settembre 2015)

 L'Italia è solo al 41/mo posto su 145 paesi analizzati ed addirittura al 111/mo posto se si considerano la partecipazione e le opportunità economiche: questi dati del Global Gender Gap Index sulle disparità tra uomo e donna ''sono da paese arretrato'', dice l'attivista scrittrice e blogger Lorella Zanardo e soprattutto inducono a lavorare ''moltissimo sul fronte del cambiamento culturale''. Ecco perchè l'8 marzo, Giornata internazionale della donna, non si può dire festa ma piuttosto momento di riflessione, affinchè almeno per un giorno si monopolizzi l'attenzione su un tema che incide così profondamente la società. (di Alessandra Magliaro)
    Quanti giovani sanno che il 10 marzo ricorrono i 70 anni del voto alle donne italiane? Pochi soprattutto perchè diamo questo diritto fondamentale per acquisito senza sapere le battaglie che ci sono dietro, come - seppure per lo scenario inglese - mostra in questi giorni in sala il film Suffragette, presentato anche nella Sala della Regina alla Camera per l'iniziativa Montecitorio a porte aperte.
    ''Raggiungere la parità è una questione culturale che deve riguardare tutti ma soprattutto i ragazzi e le ragazze'', spiega la Zanardo che l'8 marzo partirà per un tour nelle scuole, Suffraggette 2.0: da Milano (Liceo Artistico Boccioni) a Firenze, Pisa, marzo, Trento, Roma, Napoli, Reggio Emilia, Bari e Catanzaro e per i giovani delle scuole sarà l'occasione, dopo la visione del film, per discutere sull'importanza dell'impegno civile per la difesa di diritti fondamentali, come la parità di genere, che spesso vengono dati erroneamente per scontati.
    ''Per cambiare realmente le cose bisogna essere capaci di parlare ai cittadini di domani. Le ragazze e i ragazzi spesso non sono consapevoli né dei propri diritti, né del lungo cammino percorso per ottenere quelli che già abbiamo. Chiedendo nelle scuole quando noi donne abbiamo ottenuto il diritto al voto, si scopre che in pochi sanno che solo da 70 anni abbiamo acquisito diritti che gli uomini detengono da sempre. È necessario intervenire con forza soprattutto oggi: la lotta per la difesa dei diritti fondamentali dell'uomo è lontana dall'essere vinta'', aggiunge la Zanardo, da anni impegnata su tematiche del rispetto per la donna, come per Il Corpo delle donne, in cui denunciava la situazione rispetto alla televisione e alla pubblicità.
    Interesserà ragazzi dai 15 ai 19 anni, questo un tour di cittadinanza attiva: la domanda fondamentale che sarà posta agli studenti e dalla quale partirà la successiva discussione è "Per cosa oggi vi motivereste?". Inoltre ''visto che nei libri di storia la lotta delle donne non è mai raccontata, alla fine del percorso - annuncia - partirà una petizione per inserire la storia delle donne nei libri di storia''.
   

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>