Bolaffi, collezionisti da quattro generazioni

Aste da record nella storia della maison torinese

  • Bolaffi, collezionisti da quattro generazioni
  • Bolaffi, collezionisti da quattro generazioni
  • Bolaffi, collezionisti da quattro generazioni
  • Bolaffi, collezionisti da quattro generazioni

TORINO - Un'esperienza nel campo del collezionismo che dura da quattro generazioni e ha trasformato la passione per la filatelia di un giovanissimo Alberto Bolaffi senior, nella Torino di fine Ottocento, in un'impresa con quattro punti vendita (a Torino, Milano, Roma e Verona), più di cento collaboratori e una rete di agenti estesa in tutta Italia. È il gruppo Bolaffi, punto di riferimento nel panorama del collezionismo, che il 3 ottobre presenta una nuova asta di gioielli e orologi al Grand Hotel et de Milan, nel capoluogo lombardo.

Proprio il dipartimento gioielli ha fatto segnare il top lot assoluto nella storia della casa torinese, con l'aggiudicazione record di un raro diamante naturale "Very light pink" a 755 mila euro.

L'avventura Bolaffi inizia nel 1890, quando il fondatore, appena sedicenne, lascia l'attività di famiglia, il commercio di pietre preziose e piume di struzzo, per dedicarsi ai francobolli. Una tradizione continuata anche dal figlio Giulio e dal nipote Alberto, entrambi firmatari del 'Roll of distinguished philatelists', il più alto riconoscimento internazionale in questo ambito. Sono loro a diversificare il raggio d'azione dell'impresa di famiglia, affiancando alla filatelia, rimasta sempre il core business del gruppo, l'attività editoriale e la numismatica, le collezioni di manifesti e di libri antichi. In ogni campo, dopo la nascita delle Aste Bolaffi nel 1990, la maison torinese detiene una lunga serie di record. L'anno successivo, all'interno della prestigiosa collezione 'Pedemonte', viene aggiudicato per quasi 800 milioni il Tre Lire Farouk, uno dei due soli esemplari al mondo su busta del rarissimo francobollo del Governo Provvisorio di Toscana.

Bolaffi detiene tuttora il più alto traguardo di vendita per un poster italiano, 'Fiat in pista' di Plinio Codognato, battuto nel 1999 a 220 milioni di lire, pari a oltre 113.000 euro. In seguito le aste si aprono anche alla numismatica, agli autografi e a documenti antichi, continuando a fare notizia per il prestigio dei lotti presentati sul mercato. Il testimone è ora nelle mani di Giulio Filippo Bolaffi, che ha proseguito nella tradizione ampliando alla fotografia, ai vini rari e pregiati, ai gioielli, ai memorabilia sportivi e alle auto e moto classiche gli orizzonti della casa d'aste torinese, il cui motto rimane "per noi la storia è un oggetto da collezione".

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>