Tv: la 'lezione' di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm

In prima visione lunedì 30 gennaio su Sky Arte Hd

  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Alberto e Cecilia Pirelli alla proiezione del documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Marco Tronchetti Provera alla proiezione del documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Vittorio Gregotti alla proiezione del film  sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • L'editrice Rosellina Archinto a margine della proiezione del film documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Alberto e Cecilia Pirelli a margine della proiezione del film documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm
  • Marco Tronchetti Provera a margine della proiezione del film documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Roberto Pisoni a margine della proiezione del film documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli
  • Cecilia Pirelli (C) a margine della proiezione del film documentario sulla vita di Leopoldo Pirelli presso l'hangar Bicocca di Milano
  • Tv: la lezione di Leopoldo Pirelli diventa un docufilm

MILANO - La personalità visionaria e allo stesso tempo tempo schiva di Leopoldo Pirelli, tra gli ultimi capitani d'industria italiani, diventano un documentario per la tv. A dieci anni dalla scomparsa dell'imprenditore, la sua figura viene descritta nell'opera "Leopoldo Pirelli. Impegno Industriale e cultura civile", in onda in prima visione lunedì 30 gennaio alle 20 su Sky Arte Hd, per la regia di Matteo Moneta e Valeria Parisi (il trailer è già online su http://culture.pirelli.com/global/it-it/leopoldo-pirelli).
A Milano il documentario è stato presentato in anteprima negli spazi Pirelli HangarBicocca. Ricco di materiali d'archivio, video e fotografici, il film è costruito attraverso le testimonianze di chi ha conosciuto l'imprenditore definito "calvinista", gli ha voluto bene e ha lavorato con lui. Tra questi la compagna editrice Rosellina Archinto, il figlio Alberto e Marco Tronchetti Provera, succeduto a Leopoldo alla guida del colosso dei pneumatici, nei primi anni '90. E poi ancora sindacalisti, politici e uomini di cultura, ma anche l'autista personale, la segretaria di sempre, il ristoratore di fiducia, lo skipper che lo accompagnava per il mare e il nipote medico che gli è stato accanto fino alla fine. "Dal filmato viene fuori una rappresentazione che a Leopoldo piacerebbe. Era un uomo intelligente, riservato e pieno di rispetto per gli altri. La sua è stata una vita difficile, onesta e impegnata" ha ricordato Tronchetti Povera, amministratore delegato del gruppo Pirelli. Laureato in ingegneria, appassionato di barca a vela, amico di Gianni Agnelli, Leopoldo, figlio di Alberto Pirelli, per oltre un trentennio, tra gli anni '60 e '80, fu alla guida dell'azienda di famiglia, fondata dal nonno Giovanni Battista. Nel docufilm il racconto è scandito dalla voce dell'attrice Maddalena Crippa, con il contributo di Toni Servillo che legge il decalogo del buon imprenditore, sintesi ultima del pensiero imprenditoriale di Leopoldo Pirelli (lo scrisse nel 1986). "La prima qualità che un imprenditore deve sempre avere è cercare, cercare con tutte le sue forze, di chiudere dei buoni bilanci. Se non ci riesce una volta, riprovare. Se non riesce più volte, andarsene. E se ci riesce, non credersi un padreterno, ma semplicemente uno ha fatto il suo dovere": così recita il decimo punto, la lezione finale di Leopoldo.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>