Non solo sci. Le fat-bike invadono le piste. Nuovo trend sulle Alpi (finalmente innevate)

La bici ‘grassa’ va dappertutto e i giovani appendono lo snowborder al chiodo

  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara
  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara
  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara
  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara
  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara
  • Fat Bike, la nuova moda in montagna, pedalare sulla neve. Scatti a Sesto di Agnese Ferrara

Dalle piste del Monte Bianco alle Alpi nostrane (finalmente innevate) non si vedono più solo gli sciatori. Dalle vette di Chamonix a Livigno, in provincia di Sondrio, da Cortina ai circuiti delle Dolomiti in Trentino, questo anno ci sono anche i ciclisti. Scendono e risalgono le piste, attraversano (a sbafo) tratti dedicati al fondo e corrono sui sentieri di neve battuta fra i boschi grazie a strane biciclette dotate di copertoni esageratamente grandi. Sono le fat-bike, evoluzione delle mountain bike di origine nordica (pare siano state inventate in Alaska una trentina di anni fa’) dotate, appunto, di ruote ‘grasse’. (di Agnese Ferrara, da Sesto in Alta Pusteria, Bolzano)

Il fenomeno sta prendendo così tanto piede che c’è chi giura che scalzerà la moda dello snowboard, già in calo rispetto al boom di qualche anno fa. D’altro canto anche le biciclette che sfrecciano in vetta danno un’aria alternativa e piratesca che piace tanto anche agli amanti dello snowboard. Con queste grosse bici, i cui freni vanno usati il meno possibile, qualche capitombolo è da mettere in conto ma il divertimento è assicurato. Le fat-bike offrono ad esperti e neofiti una pausa dagli scarponi da sci durante la settimana bianca o l’opportunità di andare sui sentieri inventati a chi gli sci ai piedi non li metterà mai.

“Sono biciclette pesanti, con ruote molto larghe, studiate per i sentieri di neve battuta o per quelli di sabbia del deserto o di fango estremo,” - precisa Johann Happacher, appassionato ciclista e proprietario di un camping e resort di lusso a Sesto. “Piacciono ai giovani e ai meno giovani e il fenomeno ha contagiato anche i meno sportivi ma per andarci ci vuole forza e allenamento. In molti le provano ma in molti cascano anche, soprattutto sul ghiaccio. Ora ci sono anche gli pneumatici dotati di chiodi che tengono meglio i circuiti ghiacciati ma è bene avere già un buon livello di allenamento di base per usarle”.

Non mancano i festival dedicati a questa nuova moda. I giorni scorsi gli appassionati e i moltissimi curiosi si sono incontrati al primo Ledro Fat-bike festival, ospitato sulle piste da sci nordico in Val di Concei in Trentino e, nelle piane del Monte Cimone, in Emilia Romagna, si è appena concluso il primo raduno di fat-bike con gare di slalom in notturna.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>