Su Instagram e Facebook, la moda prima di tutto

Una ricerca in sei paesi europei evidenzia i picchi di conversazioni fashion ad Halloween e a Natale

  • Moda: Milan fashion weelk; Genny
  • Moda: Milan fashion weelk; Genny
  • Moda: Milan fashion weelk; Genny
  • Moda: Milan fashion weelk; Genny
  • Moda: Milan fashion weelk; Genny

(di Patrizia Vacalebri)

Con circa 13 milioni di recensioni mensili di hashtag #fashion su Instagram e centinaia di migliaia di gruppi di Facebook connessi alla moda in tutto il mondo, discutere su ciò che indossiamo e come vestiamo non è mai stato più di moda, immediato e internazionale. Nella prima di una serie di articoli di IQ di Facebook focalizzati sulla moda, sono state esaminate le conversazioni e le connessioni su Facebook e Instagram per aiutare i rivenditori di moda ad acquisire una comprensione più approfondita della clientela, scoprire le tendenze e le parole chiave utili da inserire nelle loro campagne.

   La ricerca ha riguardato le conversazioni sulla moda su Facebook e Instagram in Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Spagna, Italia e Germania per scoprire temi chiave. E stato usato un metodo per analizzare le conversazioni su Facebook in ognuno dei sei paesi circa i termini relativi alla moda, per individuare la forza delle associazioni tra le parole. Sono state scoperte le tendenze attorno alla moda sostenibile, le associazioni di moda e lo shopping in ognuno dei sei paesi. Le conversazioni di moda di Facebook sono sempre attive. Analizzando le conversazioni su abiti e accessori,  si scopre che le persone sono in attesa di scoprire negozi e marchi di moda, e di individuare loro nuove collezioni di stagione.

    Si notano alcuni picchi di queste conversazioni di shopping attorno al periodo di NATALE e la discussione costumi di HALLOWWEN annuale causa un colpo di conversazioni sui vestiti in ottobre. Inoltre, vediamo il giorno di punta per le conversazioni sulla moda in una settimana è SABATO. L'ascesa della fast fashion, dove i rivenditori producono rapidamente abbigliamento poco costoso in risposta alle ultime tendenze, è stata ben documentata negli ultimi anni. Tuttavia i dati della ricerca dimostrano che non si tratta della stessa velocità in tutti i paesi. Ad esempio in Spagna, le cifre della moda sostenibile sono cresciute del 24% tra il giugno 2016 e il giugno 2017. Forse ciò riflette il fatto che due grandi marchi di moda spagnoli hanno lanciato linee fatte da tessuti sostenibili alla fine del 2016/inizio 2017. Nonostante le molte conversazioni sulle mode etiche e sostenibili su Facebook, la ricerca suggerisce che, mentre le persone possono mostrare un interesse per l'eco-moda, spesso si sentono troppo a corto di denaro o tempo per trasformare il loro interesse in azione. Le priorità della moda si differenziano secondo il paese. La comunità di moda su Facebook è diversificata, ma oltre un terzo (37%) di menzioni di shopping, abiti e accessori su Facebook sono fatti da uomini.

   LE PAROLE PIU' USATE. L' analisi ha rivelato alcune differenze nelle parole associate alla moda tra i paesi. In Inghilterra si tende a usare parole come "terapia", "coccole" e "trattamento" quando si parla di shopping su Facebook. "Quando la vita diventa dura, gli inglesi vanno a fare shopping" e ciò spiega anche le mosse dai rivenditori negli ultimi anni per creare eventi di shopping. Ne sono esempi un rivenditore britannico di abbigliamento che ha messo un bar e un centro benessere nel suo negozio, oppure, un grande magazzino di fascia alta che ha recentemente ospitato un'evento di musica con band in concerto e dj live. La gente su Facebook negli Stati Uniti si usa un linguaggio più funzionale. Ciò riflette una cultura più pratica. In Germania lo shopping di moda è associato a "passeggiate" e in Francia a "doni" e "sconti". In Spagna e in Italia le parole relative allo shopping sono strettamente legate al costo della moda, ad esempio, "costoso", "economico" o "costo". La voce di moda più citata da donne su Facebook, vediamo anche comportamenti e preferenze distinti. In Gran Bretagna si parla di abbigliamento esterno. Mentre in Spagna e Germania si preferisce parlare di borse, negli Stati Uniti, in Francia e Italia, voilà si chiacchiera di scarpe. Dalla ricerca si apprende che gli appassionati di moda europei sono fortemente impegnati su Instagram, consumando 5 foto come l'Instagrammer medio e controllando Instagram 15 volte al giorno. La ricerca ha trovato che il 45% di Instagrammers intervistati in Francia, Germania, Italia, Spagna e Gran Bretagna seguono un marchio di moda, un business o una fashionista per ottenere l'ispirazione per gli aspetti che possono mettere assieme o acquistare. Le persone interessate alla moda che usano gruppi di Facebook, forniscono un modo ad amici e sconosciuti di costruire una comunità attorno ad un interesse comune. In media, nei sei paesi studiati, ci sono 52 gruppi di moda per paese, con circa 320 membri attivi in ciascun gruppo. L'appartenenza a gruppi di moda è circa due terzi femminile (70%), un terzo maschio (30%).

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>