Lassù sulla Montagna Incantata, l'ex sanatorio set di Sorrentino

Youth la giovinezza in concorso a Cannes, fascino e decadenza allo Schatzalp Hotel di Davos

  • Dal set di Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino. Foto di Gianni Fiorito concesse da ufficio stampa
  • Dal set di Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino. Foto di Gianni Fiorito concesse da ufficio stampa
  • Dal set di Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino. Foto di Gianni Fiorito concesse da ufficio stampa
  • Cinema:'YOUTH- La Giovinezza' di Paolo Sorrentino
  • CANNES: MORETTI, SORRENTINO, GARRONE, COSI' IN GARA
  • 'YOUTH- La Giovinezza' di Paolo Sorrentino - IN CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES 2015
  • CANNES: MORETTI, SORRENTINO, GARRONE, COSI' IN GARA
  • Il regista sul set di 'YOUTH- La Giovinezza' di Paolo Sorrentino - IN CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES 2015

(ANSA) -  Fred e Mick ( Michael CaineHarvey Keitel) sono due vecchi amici alla soglia degli ottant'anni, insieme trascorrono una vacanza primaverile in un albergo ai piedi delle Alpi. E' il plot dell'atteso Youth - La giovinezza, il film che dopo l'Oscar per La grande Bellezza, Paolo Sorrentino ha presentato in concorso al festival di Cannes il 20 maggio, lo stesso giorno in cui esce in sala distribuito da Medusa.

L'albergo, guarda le immagini del set, è lo Schatzalp Hotel di Davos, in Svizzera, lo stesso della Montagna incantata di Thomas Mann, dove il protagonista Hans Castorp si cura un'affezione bronchiale come accadde nella realtà alla moglie dello scrittore Katia. Posto in una posizione di grande suggestione, su una terrazza soleggiata da cui si vede tutta la vallata, originariamente era un sanatorio di lusso (Berghof, inaugurato nel 1900 e poi convertito in hotel di montagna, mantenendo fascino rétro e atmosfera da Belle Époque, con lo stile Art nouveau. L’architettura è conservata nel suo stato originale. La Villa Guarda – l’antica casa dei medici – e lo chalet irradiano un nuovo splendore con le loro lussuose suite. L'Imperatore Guglielmo II per 10 anni prenotò tre camere in quest'albergo, tra gli hotel storici più noti. La funicolare costruita nella stessa epoca è tuttora operativa . Agli inizi del secolo scorso era il luogo dove la clientela internazionale affetta dalla tubercolosi andava a soggiornare potendosi permettere cure esclusive. Il soleggiamento ottimale era di un’importanza vitale sul piano terapeutico, ragion per cui l’edificio è orientato a sud. Questa facciata lunga un centinaio di metri presenta una successione di terrazze protette dal vento: qui, sulle leggendarie sedie a sdraio gialle di marca Davos, erano distesi i pazienti imbacuccati nelle loro coperte, a godersi il sole e l'aria salubre di montagna. I progressi della medicina hanno poi portato alla chiusura del sanatorio negli anni '50. Ma a partire dall’anno 1954, al termine di un accurato intervento di ristrutturazione, lo Schatzalp riapre i battenti come hotel con 92 camere. La costruzione ha conservato molto dell’edificio originale, come l’impianto dell’ascensore del 1900. L’interno si distingue per le vaste sale in stile Art nouveau e per l’allestimento che integra in parte le storiche terme.

E proprio questa atmosfera, densa di fumi di saune e bagni turchi, in cui i due protagonisti del film di Sorrentino a bagno ammirano il passaggio della conturbante Madalina Ghenea è stata scelta per il cartellone del film. Guarda il trailer

Della storia non si sa molto: Fred è un compositore e direttore d’orchestra in pensione, Mick un regista ancora in attività. Sanno che il loro futuro si va velocemente esaurendo e decidono di affrontarlo insieme. Guardano con curiosità e tenerezza alla vita confusa dei propri figli, all’entusiasmo dei giovani collaboratori di Mick, agli altri ospiti dell’albergo, a quanti sembrano poter disporre di un tempo che a loro non è dato. E mentre Mick si affanna nel tentativo di concludere la sceneggiatura di quello che pensa sarà il suo ultimo e più significativo film, Fred, che da tempo ha rinunciato alla musica, non intende assolutamente tornare sui propri passi. Ma c’è chi vuole a tutti i costi vederlo dirigere ancora una volta e ascoltare le sue composizioni. Nel cast anche il premio Oscar Rachel Weisz, Paul Dano, il due volte premio Oscar Jane Fonda. Youth - La Giovinezza è una coproduzione Italia-Francia-Regno Unito-Svizzera: Indigo Film in collaborazione con Medusa Film

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>