Beat e poesia, Lawrence Ferlinghetti

A Brescia la storia di una generazione ribelle

 Intellettuale, poeta, pittore, editore, figura di spicco della Beat Generation, Lawrence Ferlinghetti è al centro di una grande mostra allestita da oggi al 14 gennaio negli spazi del Museo di Santa Giulia, a Brescia. E' proprio la città, da cui nel 1894 emigrò il padre Carlo Leopoldo alla volta degli Stati Uniti, a rendere omaggio a uno dei più significativi protagonisti della ribellione americana degli anni '50 e '60, riunendo materiali a stampa, fotografie, registrazioni video, nonché dipinti e disegni, realizzati nella sua lunga attività (Ferlinghetti ha 98 anni), conosciuta in Italia soprattutto grazie all'opera di Fernanda Pivano, traduttrice dei suoi scritti e amica.

Intitolata 'A Life: Lawrence Ferlinghetti. Beat Generation, ribellione, poesia', la rassegna è stata curata da Luigi Di Corato, Giada Diano, Melania Gazzotti, che hanno ideato un percorso espositivo in quattro sezioni: 'Guerra, pace, arte', 'Beat', 'L'impegno' e infine 'Le origini', che l'artista ha ricercato tenacemente per anni.

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>