Dennis Hopper, fotografo. I suoi scatti sull'America anni '60 in una mostra alla Gogosian a Roma a settembre

Scratching the Surface: Photographs, 80 vintage prints, a settembre alla Gogosian Galley

  • Dennis Hopper sulla spiaggia con la figlia Marin, Malibu, 1964 Foto di Robert Walker Jr. © The Hopper Art Trust
  • Dennis Hopper: Wallace Berman, stampa in gelatina d'argento, 11x14 inches, 28x35.5cm, AP © The Hopper Art Trust.jpg
  • Dennis Hopper :Andy Warhol with Flower, 1963, stampa in gelatina d'argento, 23,7x18 inches, 60.10x45.7cm, © The Hopper Art Trust.jpg
  • Dennis Hopper, autoritratto

(ANSA) Dennis Hopper, il regista del film “cult” Easy Rider (1969) e protagonista di diversi colossal tra cui Apocalypse Now (1979), è stato anche un grande fotografo. Si appassionò alla fotografia alla fine degli anni ‘50 grazie all’ incoraggiamento di James Dean, con il quale lavorò sul set di Gioventù Bruciata (1955). Negli anni ‘60 che la fotografia diventa il suo principale mezzo di espressione artistica per raccontare la cultura americana del tempo attraverso icone quali Martin Luther King, John Wayne e Andy Warhol, ed i paesaggi dei suoi frequenti viaggi “on the road”.

Nella mostra di Roma dal 23 settembre all'8 novembre Scratching the Surface: Photographs, Gagosian Gallery presenta circa 80 “vintage prints” degli anni ‘60, e una serie di immagini di particolare immediatezza realizzate nei dintorni di Taos, New Mexico, dove l’attore si era trasferito tra la fine degli anni ‘60 e l’inizio dei ‘70 e dove ha voluto essere sepolto. Il lavoro fotografico di Hopper é in mostra anche alla Royal Academy di Londra.

Dennis Hopper (Dodge City, Kansas 1936 – Venice, California 2010) è stato fotografo, attore e regista. Le sue opere fotografiche sono parte integrante delle collezioni permanenti del Metropolitan Museum of Art, (New York), del Museum of Modern Art, del Los Angeles County Museum of Art (Los Angeles), del Museum of Contemporary Art (Los Angeles), e del Carnegie Museum of Art, (Pittsburgh). Tra le sue mostre personali più importanti si annoverano: “Dennis Hopper: Black and White Photographs,” Fort Worth Art Center Museum, Texas (1970), e Corcoran Gallery of Art in Washington, D.C. (1971); “Dennis Hopper: A Keen Eye; Artist, Photographer, Filmmaker,” Stedelijk Museum, Amsterdam (2001); “Dennis Hopper: A System of Moments,” Museum für angewandte Kunst, Vienna (2001); “Dennis Hopper: Double Standard,” Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2010); and “The Lost Album,” Martin Gropius Bau, Berlin (2012); “On the Road,” Museo Picasso, Malaga (2013); “The Lost Album”, Royal Academy of Arts, London (in mostra fino al 19 ottobre 2014).

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>