Cerca: ricerca su Legalità

PADRE PUGLISI: SARA' BEATO PRETE UCCISO DALLA MAFIA

Assassinato dalla mafia il 15 settembre '93, don Pino Puglisi, il parroco che dalla frontiera del quartiere palermitano Brancaccio predicava e agiva contro lo strapotere delle cosche, fu ucciso ''in odium fidei'' (in odio alla fede) recita la formula vaticana, perche' la mafia temeva che i precetti evangelici del prete portassero alla ribellione delle coscienze e travolgessero il potere criminale costruito con il sangue e la violenza. Quel piccolo grande uomo di 56 anni, caduto per i colpi di un killer, sara' beato: Benedetto XVI ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei Santi a promulgare il decreto sul martirio di don Puglisi e la formula e' proprio quella: ''In odium fidei''. Per il cardinale Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo, il riconoscimento del martirio ''illumina le tenebre: le mafie e le forme di illegalita' - tuona nel corso di una conferenza stampa convocata nel pomeriggio - sono contrarie al Vangelo. Il martirio e' smascherare questo schema, e cioe' che la mafia ha i suoi idoli e dei e non intende cedere niente. La mafia non perdona, il Vangelo perdona. La mafia non condivide, il Vangelo si'. La mafia quando chiede il pizzo spoglia un lavoratore nei guadagni frutto del suo legittimo lavoro. Sono forme di idolatria antitetiche ai valori evangelici''. Parole che Romeo pronuncia nel palazzo arcivescovile, dove i giornalisti sono un gruppo sparuto tra la gente che, appresa la notizia, arriva alla spicciolata. E arriva anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che in quel terribile giorno del '93 era alla guida della citta'. Il cardinale dice che era gia' al corrente dell'imminenza del decreto, ''ma sono un figlio della Chiesa - spiega - e amo rispettare le regole. Cosi' ho deciso di parlare dopo la diffusione della notizia. In quel '93 ero in Colombia e in quel periodo sono stati uccisi 25 preti. La notizia dell'omicidio di don Pino Puglisi mi ha scioccato. Quello di oggi e' un giorno che aspettavo da tempo''. La cerimonia di beatificazione dovrebbe avvenire a Palermo: ''La prassi e' che si svolga nella diocesi di appartenenza - osserva il cardinale Romeo - Non ho ancora affrontato questo tema e mi rechero' a Roma nei prossimi giorni''. I resti di don Pino si trovano nel cimitero di Sant'Orsola, anche se, ricorda il cardinale, si era pensato a una sepoltura a Brancaccio e poi in Cattedrale. Ma gli gli adempimenti per il trasferimento in ambienti non cimiteriali richiedono tempo. Un rammarico coglie Romeo: ''E' rimasto incompiuto il desiderio di don Pino di disporre di un terreno su cui costruire la nuova parrocchia''. Prima che il suo sogno si realizzasse arrivo' il killer Giuseppe Grigoli a portargli via la vita. (ANSA).

ALTRE FOTO

++ PAPA: SARA' BEATO DON PINO PUGLISI, VITTIMA MAFIA ++ [ARCHIVE MATERIAL 20120628 ]