Cerca: ricerca su Legalità

CRIMINALITA': GRASSO,ANTIMAFIA ABBIA RETE HI-TECH COME FISCO

La procura nazionale antimafia ha elaborato un progetto informatico, che consente di lanciare ricerche su tutte le banche dati disponibili, per dare immediatamente un quadro della situazione patrimoniale di un soggetto e delle sue relazioni. ''Il fisco si e' dotato di uno strumento potente, non vedo perche' non dovrebbe essere usato anche dalla magistratura. Per scoprire crimini e corruzione bisogna mettere in atto tutte le tecnologie esistenti. Del resto la criminalita' si e' dotata di strumenti informatici e si e' globalizzata'', spiega il procuratore nazionaleantimafia, Piero Grasso, ad un convengo del Cnr: ''Quando ho presentato il progetto mi e' stato risposto che la magistratura ha gia' ampio potere e questo strumento ne farebbe un 'Grande fratello'. E' vero che la magistratura ha ampio potere, ma e' un potere costituzionale, e ci sono le garanzie procedurali. Continuero' ad insistere perche' sono convinto della bonta' delle nostre strategie''. ''Il denaro mafioso - ha detto il procuratore partecipando alla presentazione dell'Osservatorio Crimine e Corruzione del Cnr - ormai non gronda piu' sangue: e' pulito, veloce e invisibile come quello delle speculazioni finaziarie. Rintracciarlo e contrastarne la metamorfosi e' la nostra sfida''. I flussi di denaro sporco si nascondo infatti ''dietro i tycoon, le scalate, i colletti bianchi e fa capolino in borsa''. La situazione e' cosi' grave che la Banca d'Italia ha di recente lanciato l'allarme: i capitali sporchi ammontano al 10% del Pil (150 miliardi). E l'Italia ha il primato negativo: la quota e' il doppio della media mondiale, che e' del 5% del Pil. I piu' rilevanti flussi sono diretti ''verso la Svizzera, oltre il 60%, ma sono in ascesa anche piazze asiatiche come Hong Kong, Taiwan, Singapore e alcuni Emirati arabi, mentre e' in calo la concentrazione a San Marino''. (ANSA).

ALTRE FOTO

ANNO GIUDIZIARIO:MAFIA,ALLARMANTE NONOSTANTE CONTRASTO