Cerca: ricerca su Legalità

MORFINA
È un potente narcotico  derivato dall'oppio. Viene utilizzato in medicina come analgesico nel trattamento del dolore acuto e cronico, per esempio per dare sollievo a militari vittime di ferite e traumi di guerra. Provoca sia tolleranza che una rapida e grave dipendenza fisica e psichica, con sindromi da astinenza sempre piu’ violente e devastanti per la persona.

GLI EFFETTI
La morfina all’inizio produce una sensazione di euforia e benessere fisico generalizzato, confusione, ottundimento. Se è iniettata per via endovenosa o intramuscolare si avverte il cosiddetto ‘’flash’’: una sensazione brevissima di piacere che sale dall'addome alla testa. A volte provoca uno stato ansioso accompagnato da malessere, nausea, vomito, mancanza di desiderio sessuale, disorganizzazione del pensiero, scarsa percezione della realta’. Con il tempo le sensazioni piacevoli durano sempre meno e il tossicomane deve aumentare gradualmente la dose per ottenere gli stessi effetti, fino al bisogno di assumerne in continuazione, a qualsiasi costo, con effetti devastanti sulla socialità e sulla salute mentale. La persona perde gradualmente il controllo, scatenando comportamenti violenti e irresponsabili o incidenti (per esempio automobilistici). L’intossicazione acuta (overdose) puo’ portare all’infarto e alla morte.