Percorso:ANSA > Legalità > Speciali > Giovani: indagine, italiani pessimisti ma aperti a migranti

Giovani: indagine, italiani pessimisti ma aperti a migranti

Sono gli italiani della Generazione Z, nati a cavallo Millennio

08 febbraio, 15:37
(ANSA) - ROMA, 8 FEB - Sono pessimisti verso il futuro e, più dei coetanei di altri Paesi, pensano che il mondo stia peggiorando. Ma hanno meno paura di immigrati e rifugiati e chiedono al Governo di fare qualcosa in più per integrarli e accoglierli. Più di altri ragazzi sognano una maggiore parità economica, per garantire l'unità tra popoli, e considerano l'opportunità di viaggiare e conoscere altre persone più rilevante per la loro carriera, rispetto a remunerazione e promozioni. Sono gli italiani della 'Generazione Z', cioè i nati a cavallo del Millennio (tra il 1995 e il 2001), il cui profilo emerge dal sondaggio di Populus "La generazione Z: Sondaggio della cittadinanza globale - Ciò che la gioventù mondiale pensa e sostiene", che ha messo a confronto le opinioni dei giovanissimi di 20 Paesi. PER IL 53% ITALIANI IL FUTURO NON SARA' ROSEO - Secondo i dati pubblicati oggi dalla Varkey Foundation, l'Italia, con la Francia e la Turchia, ha registrato la più elevata percentuale di giovani che pensano che le prospettive di vita nel mondo stiano peggiorando (53%); solo il 7% ritiene che stiano migliorando, mentre il 38% non vede mutamenti. OLTRE LA META' CHIEDE APERTURA VERSO PROFUGHI - Il 57% dei giovani italiani pensa che il nostro Governo stia facendo poco per risolvere la crisi globale dei rifugiati. Al contrario, il 12% pensa che stia facendo già troppo. In generale, i ragazzi del nostro paese sono anche più aperti all'immigrazione rispetto ad altri loro coetanei stranieri: il 38%, contro, ad esempio, il 27% dei francesi e il 31% degli inglesi, è convinto che il Governo dovrebbe facilitare l'integrazione e il lavoro legale degli immigrati in Italia; solo il 18% vorrebbe che fosse reso più difficile. TERRORISMO E GUERRE, LE PAURE DELLA 'GENERAZIONE Z' - Più di otto giovani su dieci (83%), tra italiani e stranieri, hanno affermato che il terrorismo e l'estremismo sono ciò che più li spaventa. L'81% è preoccupato dalle possibilità di guerre e conflitti, mentre percentuali più basse sono in ansia per cambiamenti climatici (66%), crescita del divario economico tra i ricchi e i poveri (69%), rischi di epidemie globali (62%) e rapidità dei cambiamenti tecnologici (30%). OK MATRIMONI GAY, DIVISI SU DIRITTO ESPRESSIONE - Gran parte della gioventù mondiale sostiene i valori liberali quali la tolleranza, l'uguaglianza e il progresso: dalla legalità dei matrimoni tra persone dello stesso sesso (63% favorevoli), alla parità dei diritti tra uomini e donne (89%), agli uguali diritti per le persone transessuali (74%). I ragazzi si dividono invece sulla libertà di espressione: solo circa la metà pensa che si debba sostenere la libertà di parola anche quando questa possa causare offesa a una religione (56%) o a un gruppo di minoranza (49%). Per quanto riguarda la religione, per il 42% è parte importante della propria vita, per il 39% non ha alcun significato. Ma i ragazzi sono comunque tolleranti e frequentano persone appartenenti ad altre fedi religiose. "In un'epoca di movimenti nazionalisti e populisti, che focalizzano sulle differenze tra i popoli - osserva Vikas Pota, ad della Varkey Foundation - le testimonianze provano che i giovani condividono un'opinione del mondo considerevolmente simile. C'è molta più unità tra i giovani di quanto non si direbbe a prima vista. Credono fermamente nel diritto di vivere il tipo di vita che si sceglie, senza pregiudizi di sorta, qualsiasi sia l'estrazione sociale.

Ciò nonostante, sono una generazione profondamente pessimista sul futuro del mondo. Non sono influenzati in modo rilevante dai politici e ritengono che i loro governi non si sforzino sufficientemente per risolvere una delle grandi problematiche del nostro tempo, la crisi dei profughi". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA